Venerdì, 22 Giugno 2018

Novembre 2017 - Fissando il sole

  • guidocx84
  • Avatar di guidocx84 Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Founder & Community Manager
Di più
30/10/2017 15:16 #1 da guidocx84
Sono aperte le discussioni sul Libro del Mese di Novembre 2017: "Fissando il sole" di Irvin D. Yalom.

Modera la discussione la nostra cara Erica (EmilyJane).

Buona lettura a tutti!


"Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere." Gustave Flaubert
Allegati:
Ringraziano per il messaggio: EmilyJane, Fede95

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
31/10/2017 15:41 #2 da EmilyJane
Grazie Guido!
Qualcuno di voi ha già cominciato? Io per il momento l'ho solo sfogliato: se notate a fine libro c'è Una guida per la lettura in cui troviamo alcune domande che sarebbero ideali da porre in un gruppo di lettura ;)
Man mano che procediamo con la lettura possiamo affrontare insieme le domande per ogni capitolo, per aiutarci ad andare più in profondità e magari a tirar fuori con le tenaglie qualche paura nascosta.
Intanto,chi di voi ammette di avere paura della morte? Io ormai ho più paura della morte dei miei famigliari e in generale la malattia, sia per me che per gli altri, è la cosa che mi spaventa più di tutte

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

"No one ever made a difference by being like everyone else." (The greatest showman)
Ringraziano per il messaggio: guidocx84, Bibi

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
31/10/2017 18:27 - 31/10/2017 18:29 #3 da Franciola88
Aver paura della morte rende umani, per cui penso che tutti ne abbiamo paura, c'è chi lo dice apertamente chi lo pensa e non lo dice e chi non ci pensa...
Io sono la terza categoria :P Questo libro mi aiuterà di sicuro a pensarci e ne sono contenta.
Anche io ho paura più per la morte degli amici o parenti, non per la mia, ma penso sia dovuto anche al fatto che non sono malata o ho invalidità gravi che mi possano avvicinare al pensiero della morte....Paradossalmente la pensavo di più da piccola, l'idea della fine di tutto mi spiazzava enormemente, pensavo a com'era possibile la mia non esistenza o quella degli altri, ricordo che mi scombussolava non poco.
Ora semplicemente cerco di vivere il presente

Anche Gesù sulla croce ha avuto paura della morte, tutti ne abbiamo paura. Il lavoro più grande che possiamo fare non è non averne paura ma accettarla.

Il libro lo inizio domani:)
Ultima Modifica 31/10/2017 18:29 da Franciola88.
Ringraziano per il messaggio: guidocx84

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • guidocx84
  • Avatar di guidocx84 Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Founder & Community Manager
Di più
31/10/2017 20:14 #4 da guidocx84

Franciola88 ha scritto: Aver paura della morte rende umani, per cui penso che tutti ne abbiamo paura, c'è chi lo dice apertamente chi lo pensa e non lo dice e chi non ci pensa...

Anche Gesù sulla croce ha avuto paura della morte, tutti ne abbiamo paura. Il lavoro più grande che possiamo fare non è non averne paura ma accettarla.

Il libro lo inizio domani:)


Totalmente d'accordo. Infatti non credo sia "anormale" rivelare di avere paura della morte.
Io, rispondendo a Erica, ne ho paura e lo dico apertamente. Leggo volentieri questo libro (che devo ancora iniziare) anche per provare ad esorcizzare questa paura.
Fortunatamente non ne ho paura al punto tale da farmi condizionare la vita. Cioè, ad esempio, non è che non volo in aereo perché ho paura che potrebbe cascare. Anche perché smetterei di vivere.
Però ci penso, soprattutto quando si verificano avvenimenti tristi nelle nostre famiglie, nelle famiglie dei nostri amici o conoscenti o semplicemente leggendo le storie degli altri.
Sono certo che avremo modo di andare in profondità all'argomento e sì Erica, se in fondo al libro ci sono delle domande, perché non sfruttarle. Bene!
Io mi sono procurato il libro. Spero di essere dei vostri a breve. Voglio prima finire quello del mese precedente ma non sono messo malissimo... ;)

"Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere." Gustave Flaubert

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
01/11/2017 07:26 #5 da Francis
Sono davvero contento che sia stato scelto questo libro! Ho messo in pausa (di nuovo) quello che stavo leggendo, I giorni dell'eternità, perché questo libro di novembre davvero mi interessa!

Ho cominciato a leggere velocemente le prime pagine ed ho notato già qualcosa che mi fa apprezzare molto l'autore, cioè la rivalutazione del pensiero di Epicuro, che troppo spesso viene frainteso, confuso con la leggerezza del più semplice edonismo.
L'idea che la presenza costante della morte nella nostra vita sia un calibro per capire la vera felicità, la semplicità dell'esistenza umana, è uno dei capisaldi del mio modo di pensare, tanto che Epicuro sta tra i miei principali maestri di vita.

Credo che apprezzerò molto questa lettura!

...in medio stat virtus...
Ringraziano per il messaggio: Fede95

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
01/11/2017 09:16 #6 da Fede95
Ohh che bello! Grazie ;)

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
01/11/2017 10:26 #7 da Laura87
Io devo ancora iniziarlo.. e devo ammettere che mi sembra una lettura impegnativa... spero di riuscire ad affrontarla bene... anche perché un libro di questo tipo non l’ho mai letto...


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
02/11/2017 13:09 #8 da pierbusa

EmilyJane ha scritto: Qualcuno di voi ha già cominciato? Io per il momento l'ho solo sfogliato: se notate a fine libro c'è Una guida per la lettura in cui troviamo alcune domande che sarebbero ideali da porre in un gruppo di lettura ;)
Man mano che procediamo con la lettura possiamo affrontare insieme le domande per ogni capitolo, per aiutarci ad andare più in profondità e magari a tirar fuori con le tenaglie qualche paura nascosta.


Accolgo l'invito di Erica! Io ho iniziato a leggerlo e sono al capitolo 2.

Il titolo e il sottotitolo del libro

Siete d’accordo che confrontarsi con la morte sia come fissare il sole, ovvero un’esperienza dolorosa, difficile ma necessaria se abbiamo intenzione di vivere come individui pienamente consapevoli che s’aggrappano alla vera natura della propria condizione umana, della propria finitezza, del proprio breve tempo di luce?
Capite e concordate con la distinzione che il dottor Yalom fa nel sottotitolo tra superare il «terrore» della morte, ma non la paura? Perché dovremmo concentrarci unicamente sul terrore? È vero che non si può mai avere la meglio sulla paura della morte?


La paura della morte che ci accomuna tutti è così potente e così radicata in noi che da sola può essere l'elemento decisivo per abbracciare una fede religiosa che ci "conforti" e ci "accompagni" quando verrà il momento. Yalom però in questo libro non vuole "combattere" questa paura bensì evitare che si trasformi in terrore o qualora fosse già successo e non ce ne rendessimo conto cercare di interpretare i "sintomi" di questo terrore.

Questo approccio di Yalom mi trova d'accordo perché mentre la paura della morte fa parte del nostro essere "uomini" e in un certo senso fa parte dell'istinto alla sopravvivenza, il terrore della morte può diventare patologico e bloccarci anche seriamente nella nostra vita quotidiana.


Tre anni al club...tre stelle. Una per me, una per il Club e una sia di buon auspicio...
Ringraziano per il messaggio: guidocx84, Ariel

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

  • guidocx84
  • Avatar di guidocx84 Autore della discussione
  • Offline
  • Amministratore
  • Amministratore
  • Founder & Community Manager
Di più
02/11/2017 18:32 #9 da guidocx84

pierbusa ha scritto:

EmilyJane ha scritto: Qualcuno di voi ha già cominciato? Io per il momento l'ho solo sfogliato: se notate a fine libro c'è Una guida per la lettura in cui troviamo alcune domande che sarebbero ideali da porre in un gruppo di lettura ;)
Man mano che procediamo con la lettura possiamo affrontare insieme le domande per ogni capitolo, per aiutarci ad andare più in profondità e magari a tirar fuori con le tenaglie qualche paura nascosta.


Accolgo l'invito di Erica! Io ho iniziato a leggerlo e sono al capitolo 2.

Il titolo e il sottotitolo del libro

Siete d’accordo che confrontarsi con la morte sia come fissare il sole, ovvero un’esperienza dolorosa, difficile ma necessaria se abbiamo intenzione di vivere come individui pienamente consapevoli che s’aggrappano alla vera natura della propria condizione umana, della propria finitezza, del proprio breve tempo di luce?
Capite e concordate con la distinzione che il dottor Yalom fa nel sottotitolo tra superare il «terrore» della morte, ma non la paura? Perché dovremmo concentrarci unicamente sul terrore? È vero che non si può mai avere la meglio sulla paura della morte?


La paura della morte che ci accomuna tutti è così potente e così radicata in noi che da sola può essere l'elemento decisivo per abbracciare una fede religiosa che ci "conforti" e ci "accompagni" quando verrà il momento. Yalom però in questo libro non vuole "combattere" questa paura bensì evitare che si trasformi in terrore o qualora fosse già successo e non ce ne rendessimo conto cercare di interpretare i "sintomi" di questo terrore.

Questo approccio di Yalom mi trova d'accordo perché mentre la paura della morte fa parte del nostro essere "uomini" e in un certo senso fa parte dell'istinto alla sopravvivenza, il terrore della morte può diventare patologico e bloccarci anche seriamente nella nostra vita quotidiana.


Sono d'accordo. Questa prima distinzione fra paura e terrore della morte credo sia di fondamentale importanza per potersi approcciare al libro.
Detto questo, la maggioranza di noi ne ha paura. Sarei curioso di confrontarmi sia con chi non ne ha, sia con chi ne ha il terrore.
Sono entrambi degli estremi pericolosi.
Il primo perché ti conduce a vivere in maniera spericolata, disinteressata alla vita. Un atteggiamento potenzialmente pericoloso anche per chi ci circonda (penso ad esempio ai terroristi che, non avendo paura della morte, commettono attentati togliendo la vita a loro stessi ma soprattutto a tanti altri).
Il secondo perché porta a non vivere. A non fare per non "rischiare di". Un atteggiamento forse più pericoloso per la persona in sé stessa e con meno impatto sul prossimo ma comunque sempre un atteggiamento anomalo e da analizzare.

"Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere." Gustave Flaubert

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
02/11/2017 21:00 #10 da IlariaAngelicchio
Faccio parte della seconda categoria. Ci penso ma non lo dico.
O meglio... non lo dicevo, perché recentemente l'ho detto a mio marito: "ho paura di morire".
Ho letto nel libro che per molti la paura della morte si manifesta come la paura di non poter più stare con i propri cari. Ho letto questo passaggio e mi è venuto da piangere. Colpita ed affondata.
Non ci avevo mai pensato, non lo avevo mai detto. Ma la cosa che mi fa più paura è un dopo senza l'amore di mio marito.
Ringraziano per il messaggio: Francis

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Shoutbox

Avatar di guidocx84 guidocx84 - 19/06/2018 - 20:12

Ciao a tutti i nuovi arrivati!Giacomo, ti ho mandato un messaggio privato ;)

Avatar di freddy65 freddy65 - 18/06/2018 - 22:39

buonasera sono nuovo del forum

Avatar di Misunderstood83 Misunderstood83 - 18/06/2018 - 18:48

Salve, sono nuova. Sto cominciando a leggere, "I diari della famiglia Dracula" di Jeanne Kalogridis. Sono appassionata di vampiri ma non del genere horror. Il libro mi sembra scritto bene.

Avatar di GiacomoAmitrano GiacomoAmitrano - 17/06/2018 - 23:19

Non so poi se nelle zone che ho detto ce ne siano più di uno, nel qual caso ne sarei felice :D

Avatar di GiacomoAmitrano GiacomoAmitrano - 17/06/2018 - 23:16

A Napoli Guido, zone raggiungibili con la linea 1 della metropolitana. Grazie mille per l'aiuto??

Avatar di guidocx84 guidocx84 - 17/06/2018 - 12:41

Quale gruppo di lettura Giacomo? Sul territorio ne abbiamo svariati. Dacci qualche indicazioni in più altrimenti non possiamo aiutarti ;)

Avatar di GiacomoAmitrano GiacomoAmitrano - 16/06/2018 - 14:16

Per favire qualcuno potrebbe dirmi quando e dove sarà il prossimo appuntamento del gruppo di lettura? Grazie :D

Avatar di Appassionata Appassionata - 14/06/2018 - 23:21

Accidenti mi fate venire voglia di nn dormire per progredire nella lettura più velocemente ;)

Avatar di Dot.Cromag Dot.Cromag - 12/06/2018 - 08:17

Ciao a tutti! Io sono Dot Cromag.Amo leggere e scrivo per ossessione.Ho da poco aperto un “bloggario”, un’entita ibrida tra blog e diario.Sono esigente e amo il buongusto in fatto di libri. Ciao!

Avatar di Fede95 Fede95 - 05/06/2018 - 21:23

Ciao! Va bene, grazie! :D

The shoutbox is unavailable to non-members

Ultimi commenti

  • GIUGNO 2018 - Furore
    marta.rossi 21.06.2018 11:45
    "Furore" è il primo libro del mese di cui lascio un commento (sono iscritta alla community da gennaio).
     
  • Diciannove minuti
    Graziella 15.06.2018 13:21
    Claudia, ho appena finito di leggere Diciannove minuti, in certi momenti mi è sembrato un pochino ...
     
  • La storia
    Anna96 03.06.2018 11:11
    Anche per me era il suo primo libro e credo che si possa leggere anche senza avere una conoscenza ...
     
  • La storia
    Bibi 02.06.2018 18:29
    Mi è piaciuta molto la recensione tanto da farmelo mettere nella Readlist! Mi consigliate di leggerlo ...
     
  • GIUGNO 2018 - Furore
    a.dalbis 31.05.2018 12:55
    Comincio oggi! Vi faccio sapere1 Grazie di tutto agli amministratori!

Eventi

Giugno 2018
DOM LUN MAR MER GIO VEN SAB
27282930310102
03040506070809
10111213141516
17181920212223
24252627282930

STATISTICHE

Utenti
3042
Articoli
1426
Visite agli articoli
1496284

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra Newsletter ed essere sempre aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità che riguardano Il Club del Libro!