Lunedì, 22 Aprile 2019

Scelta del Libro del Mese di Marzo 2019

×

Sondaggio: Scelta del Libro del Mese di Marzo 2019

L'educazione - Tara Westover
12 48%
La città della gioia - Dominique Lapierre
5 20%
Questa è l'acqua - David Foster Wallace
8 32%
Numero votanti: 25 ( Steffi, Yashodara, IlariaAngelicchio, Ariel, VFolgore72 ) Visualizza altro
Solo gli utenti registrati possono partecipare a questo sondaggio
Di più
01/02/2019 00:26 - 01/02/2019 00:37 #1 da Anna96
L'educazione - Tara Westover
Categoria 3. Realistico-Cronaca - Saggi - Biografia
p.380

Tara, la sorella e il fratello sono nati in una famiglia di mormoni delle montagne dell'Idaho. Non sono stati registrati all'anagrafe, non sono mai andati a scuola, non hanno mai visto un dottore. Sono cresciuti senza libri, senza sapere cosa succede all'esterno o cosa sia successo in passato. Fin da piccolissimi hanno aiutato i genitori nei loro lavori: d'estate, stufare le erbe per la madre ostetrica e guaritrice; d'inverno, lavorare nella discarica del padre, per recuperare metalli. Fino a diciassette anni Tara non ha idea di cosa sia l'Olocausto o l'attacco alle Torri gemelle. Con la sua famiglia si preparava alla sicura fine del mondo, accumulando lattine di pesche sciroppate e dormendo con uno zaino d’emergenza sempre a portata di mano.
Il clima in casa era spesso pesante. Il padre è un uomo dostoevskiano, carismatico quanto folle e incosciente, fino a diventare pericoloso. Il fratello maggiore Shawn è chiaramente disturbato e diventa violento con le sorelle. La madre cerca di difenderle, ma rimane fedele alle sue credenze e alla sottomissione femminile prescritta.
Poi Tara fa una scoperta: l’educazione. La possibilità di emanciparsi, di vivere una vita diversa, di diventare una persona diversa. Una rivelazione.
Il racconto di una lotta per l’autoinvenzione. Una storia di feroci legami famigliari e del dolore nel reciderli.

La città della gioia - Dominique Lapierre
Categoira 2. Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico
p. 494

Deluso e amareggiato sotto il profilo professionale, un giovane medico statunitense lascia il suo paese e va in India, alla ricerca di qualcosa che gli restituisca il senso dell'esistenza, intraprendendo un lungo viaggio dalla ricca America alle bidonville di Calcutta. La realtà che lo aspetta è però sconvolgente, un vero e proprio inferno di miseria e degradazione, nel quale gli uomini cercano di sopravvivere tra topi e scarafaggi, nella più assoluta mancanza di mezzi. Ma proprio qui, nelle allucinanti colonie di lebbrosi della "Città della gioia", in mezzo a inondazioni, fame e malattie, il protagonista riuscirà a ritrovare la forza di riscattarsi.

Questa è l'acqua - David Foster Wallace
Categoria 8. Altri generi
p. 166

I sei racconti di "Questa è l'acqua", scritti tra il 1984 e il 2005, offrono uno sguardo di insieme sulla straordinaria avventura artistica di Wallace, e una summa delle sue tematiche e dei diversi stili con cui le ha affrontate ed esaltate. La depressione, vivisezionata nelle sue spietate dinamiche nel doloroso e commovente "Il pianeta Trillafon in relazione alla Cosa Brutta"; la ricerca di una nuova maturità ed equilibrio nel discorso tenuto davanti agli studenti del Kenyon College, che dà il titolo alla raccolta; il sentimento amoroso in tutte le sue possibili declinazioni, tra goffaggine, tenerezza, crudeltà, nelle due novelle "Solomon Silverfish" e "Ordine e fluttuazione a Northampton"; l'adolescenza come stagione della vita in cui ricerca d'identità e perversione finiscono per coesistere, in "Altra matematica"; le nuove complessità del mondo globale e il crollo di ogni logica binaria, nel piccolo gioiello "Crollo del '69".

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

Ultima Modifica 01/02/2019 00:37 da Anna96.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
01/02/2019 00:33 - 01/02/2019 00:35 #2 da Anna96
Vi faccio una breve panoramica del perchè ho scelto questi titoli:

L'educazione è un libro di cui si è parlato tanto l'anno scorso, sia perché è stato vincitore del premio Goodreads Choice Awards 2018 nella categoria Memoir & Autobiography, sia perché Bill Gates lo ha inserito nella sua lista dei 5 libri letti e consigliati del 2018 (ed è lì che l'ho trovato). Parla della famiglia di Tara e del folle estremismo che li porta a vivere una vita al limite dell'assurdo. È un libro incentrato sul valore e sull'importanza dell'educazione come strumento di emancipazione e riscatto e secondo me se ne possono trarre diversi spunti di riflessione interessanti.

La Città della Gioia invece è un libro che ho acquistato diversi anni fa e che credo di non aver mai iniziato. È ambientato in un' India non proprio moderna (è stato pubblicato per la prima volta nel 1985) ma la cosa particolare è che Lapierre scrisse il libro dopo aver vissuto due anni proprio nella Città della Gioia, ovvero una gigantesca slum (o favela) di Calcutta. Nella postfazione racconta di aver vissuto proprio come un abitante della Città della Gioia e di aver vissuto esperienze e raccolto appunti che gli hanno consentito, una volta tornato in Francia, di scrivere il suo più importante romanzo. Si tratta sicuramente di un libro che, oltre ad essere un bestseller, dipinge in modo altamente attendibile un quadro dell'India degli anni '80. Gli spunti di riflessione qui possono essere ovviamente molti... In particolare ciò che mi ha convinto a proporlo è stata proprio la postfazione. (Ve ne lascio un piccolo estratto trovato su internet sotto).

L'ultimo libro invece è una raccolta di racconti di David Foster Wallace. Di questo scrittore non ho mai letto nulla, però mi incuriosisce perché di lui si leggono o commenti di adorazione o commenti di disprezzo totale, non c'è via di mezzo! Ovviamente mi piacerebbe leggere "Infinite jest" ma essendo un mattone da 1000 e passa pagine non mi sembrava il caso di proporlo (anche perché poi avrebbe rischiato di vincere :P ). Però questa raccolta può essere un punto di partenza per farsi un'idea del suo stile, sicuramente molto particolare. Inoltre in questi racconti vengono affrontate diverse tematiche (tra cui la depressione, malattia che ha portato lo scrittore al suicidio nel 2008) che potrebbero essere interessanti da discutere insieme.

Dalla postfazioe di La città della gioia di Dominique Lapierre:
"Dalla prima mattina in cui vi entrai, durante il monsone, mi resi conto che quel miserabile, disumano slum di Calcutta chiamato la Città della gioia era uno dei luoghi più straordinari esistenti sulla faccia della Terra. Quando ne ripartii, due anni dopo, portando con me una ventina di quaderni zeppi di appunti e centinaia di ore di registrazione, sapevo di avere tra le mani il materiale per il libro più importante della mia carriera: un'epopea dell'eroismo, dell'amore e della fede; uno splendido tributo alla capacità dell'uomo di superare le avversità e di sopravvivere a qualunque catastrofe. Nel caso di questa lunga, difficile, e a volte dolorosa ricerca, mi sono trovato a dover condividere le situazioni più disparate. Ho imparato come le persone possano vivere insieme a topi, scorpioni e insetti, sopravvivere con pochi cucchiai di riso e una o due banane al giorno, fare code di ore per usare le latrine, lavarsi con meno di mezzo litro d'acqua, accendere un fiammifero in pieno monsone, dividere le loro abitazioni con un gruppo di eunuchi. Prima di venire adottato dagli abitanti dello slum dovetti apprendere i loro usi, sperimentare le loro paure e i loro momenti più difficili, condividere le loro lotte e le loro speranze. Era davvero una delle esperienze più straordinarie che possano capitare a uno scrittore. Un'esperienza che ha cambiato la mia vita. Vivere con gli eroici abitanti della Città della gioia ha completamente trasformato la mia cognizione di ciò che è prioritario e il mio giudizio sui reali valori della vita. Dopo essermi trovato faccia a faccia con i veri problemi dell'esistenza - fame, malattie, mancanza assoluta di attrezzature mediche, disoccupazione - ho smesso di lottare per cose banali come un parcheggio, quando torno in Europa o in America. Condividere per tutti quei mesi l'esistenza di una popolazione che in certi casi deve vivere con appena l'equivalente di un quarto di dollaro al giorno mi ha insegnato anche il vero valore degli oggetti. Ora per me è istintivo spegnere la luce uscendo da una stanza, usare la saponetta fino all'ultima scaglia, non buttare nella spazzatura ciò che si può conservare o riutilizzare. Queste esperienze fuori dal comune mi hanno anche insegnato quanto sia meraviglioso condividere le cose con gli altri. Per due anni non mi è stato chiesto nulla, e in compenso mi è sempre stato dato tutto. La generosità dei miei amici della Città della gioia mi ha rivelato il vero significato di quel bellissimo proverbio indiano che dice "tutto ciò che non viene donato va perduto".

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

Ultima Modifica 01/02/2019 00:35 da Anna96.
Ringraziano per il messaggio: clob
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
01/02/2019 08:30 #3 da aleinviaggio
grande Anna, le tue proposte non deludono mai :)
mi intriga molto "L'educazione", sia per la tematica che, devo ammetterlo, per l'accenno al padre dostoevskiano :D
mi documento e ripasso a votare ;)

"Leggere bei libri ti toglie per sempre il piacere di leggere quelli brutti" - La società letteraria di Guernsey, Mary Ann Shaffer
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
01/02/2019 13:20 #4 da guidocx84
Sondaggio approvato. Potete votare ;)

"Non leggete, come fanno i bambini, per divertirvi, o, come gli ambiziosi, per istruirvi. No, leggete per vivere." Gustave Flaubert
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
04/02/2019 14:53 #5 da pallina
Mi sa che voterò anch'io per L'educazione... avevo letto anch'io della proposta di libri fatta da Bill Gates e questo era uno di quelli che più mi aveva intrigata. Sono sempre stata affascinata dai mormoni e dal loro modo di vivere ma non ho mai approfondito più di tanto le tematiche sul modo di vivere di questa gente, chissà se il libro in questione non possa essere un inizio.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
04/02/2019 15:04 #6 da vanna
La città della gioia l'ho già letto e mi è piaciuto tantissimo, è una grande lezione di vita ed un libro che ti rimane dentro ,si percepisce la felicità sui volti di chi non ha nulla E' ambientato in uno slum di Calcutta negli anni ' 70, in un ' India che è molto cambiata.
L'autore e sua moglie hanno creato una fondazione volta a sostenere progetti di sviluppo a Calcutta e nelle zone del delta del Gange. Parte dei ricavi della pubblicazione del libro sono stati devoluti per questa missione.Il romanzo è tratto da un'esperienza che ha vissuto lo stesso autore nello slum.
Gli altri libri non li conosco ma aspetto ancora un po' prima di votare.
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
04/02/2019 18:40 #7 da Blue
Tutte proposte molto interessanti, in altri frangenti non sarebbe stato facile scegliere, tuttavia visto che da poco ho iniziato "Infinite jest" e vorrei leggere qualcos'altro di Wollace non ho dubbi, il mio voto va a "Questa è l'acqua" :P
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
05/02/2019 05:53 #8 da Librotta
La città della gioia l'ho letto moltissimi anni fa,è mi piacque molto.Interessanti gli altri due,ma voterò per il primo. Conosco personalmente una famiglia mormone da molti anni,qualche nozione del loro credo lo conosco,però mi farebbe piacere approfondire le loro origini.

Inviato dal mio SM-J600FN utilizzando Tapatalk
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
05/02/2019 20:08 #9 da EmilyJane
Interessanti proposte Anna!
La città della gioia è un libro che ho già a casa però in questo momento non mi sento propensa a leggerlo. Mi ispira molto di più L'educazione su cui sono andata a cercare notizie e recensioni in rete e penso che alla fine il mio voto andrà a questo.
Wallace l'ho escluso a priori perché qualche anno fa acquistati proprio "Questa è l'acqua" ma dopo averne letto solo due pagine ho deciso assolutamente di darlo via senza rammarico e non mi interessa leggere nulla di suo.

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

"No one ever made a difference by being like everyone else." (The greatest showman)
L\'Argomento è stato bloccato.
Di più
06/02/2019 13:39 #10 da Anna96

EmilyJane ha scritto: Wallace l'ho escluso a priori perché qualche anno fa acquistati proprio "Questa è l'acqua" ma dopo averne letto solo due pagine ho deciso assolutamente di darlo via senza rammarico e non mi interessa leggere nulla di suo.


O_O (non trovavo una faccina che esprimesse meglio la mia reazione)
E perché?

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

L\'Argomento è stato bloccato.

Shoutbox

Avatar di Bibi Bibi - 18/04/2019 - 09:08

Se hai bisogno di aiuto chiedi pure.

Avatar di Bibi Bibi - 18/04/2019 - 09:07

l'autore dell'anno, oppure nella sezione Parliamo di Libri puoi scrivere di un libro che ti è piaciuto e trovare qualcuno che lo ha apprezzato come te. In linea di massima queste sono le basi :D :D

Avatar di Bibi Bibi - 18/04/2019 - 09:06

Ciao Stefano, benvenuto! In breve, l'attività principale del Club è il Libro del Mese, quindi ti consiglio di partire da li. Ma c'è tanto altro.. Maratone di lettura, l'autore dell'anno...

Avatar di liar liar - 18/04/2019 - 07:40

Buondí mi chiamo Stefano e mi sono appena iscritto al club, ho 40 ed amo definirmi un "lettore seriale", qualcuno potrebbe darmi qualche spiegazione in merito al funzionamento del suddetto club grazie

Avatar di guidocx84 guidocx84 - 12/04/2019 - 18:23

Avanti con le adesioni al raduno nazionale di Firenze! Mi raccomando, non vi riducete all'ultimo. Prima vi registrate e meglio è, così ci date anche modo di organizzare meglio il weekend ;)

Avatar di francesco3 francesco3 - 11/04/2019 - 17:21

Sono rimasto sorpreso dalla fluidita' di Vichi.

Avatar di francesco3 francesco3 - 11/04/2019 - 17:20

Due libri molto diversi fra loro,Il Brigante di Marco Vichi e La luce della notte di Pietro Citati.

Avatar di Bibi Bibi - 11/04/2019 - 14:30

Ciao Francesco, benvenuto! Cosa sta leggendo in questo periodo?

Avatar di francesco3 francesco3 - 10/04/2019 - 17:44

Buonasera,mi chiamo Francesco.

Avatar di Bibi Bibi - 10/04/2019 - 10:59

Ciao! Che bello vedere i saluti dei nuovi iscritti! Buone letture, se avete bisogno di aiuto siamo a vostra disposizione!

The shoutbox is unavailable to non-members

Ultimi commenti

  • Le nostre anime di notte
    Bibi 16.04.2019 17:40
    L’ho aggiunto alla readlist, in base alla tua recensione credo che mi piacerà. :)
     
  • Le nostre anime di notte
    remembrandt 15.04.2019 23:29
    Ottima recensone Anna! E' un libro che ho tra i miei desiderata da un po' e spero di leggerlo presto!
     
  • Stargirl
    EmilyJane 11.04.2019 22:50
    Ho letto proprio di recente il seguito e, anche se carino, non ha nulla della grande forza del primo.
     
  • Scolpitelo nel vostro cuore
    IlariaAngelicchio 27.02.2019 14:23
    Ciao Graziella, sono contenta che la recensione ti sia piaciuta. Non ho avuto modo di incontrare ...
     
  • Scolpitelo nel vostro cuore
    Graziella 27.02.2019 12:47
    Ciao Ilaria, non ti si sente più sul forum. Bella la recensione sul libro di Liliana Segre, io l'ultima ...

 

STATISTICHE

Utenti
3755
Articoli
1579
Visite agli articoli
1953929

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra Newsletter ed essere sempre aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità che riguardano Il Club del Libro!