"L'arte della gioia" è un libro postumo: giaceva da vent'anni abbandonato in una cassapanca e, dopo essere stato rifiutato da molti editori, venne stampato in pochi esemplari da Stampa Alternativa nel 1998. Ma soltanto quando uscì in Francia ricevette il giusto riconoscimento. Nel romanzo tutto ruota intorno alla figura di Modesta: una donna vitale e scomoda, potentemente immorale secondo la morale comune. Una donna siciliana in cui si fondono carnalità e intelletto. Modesta nasce in una casa povera ma fin dall'inizio è consapevole di essere destinata a una vita che va oltre i confini del suo villaggio. Ancora ragazzina è mandata in un convento e successivamente in una casa di nobili dove, grazie al suo talento e alla sua intelligenza, riesce a convertirsi in aristocratica attraverso un matrimonio di convenienza. Tutto ciò senza smettere di sedurre uomini e donne di ogni tipo. Amica generosa, madre affettuosa, amante sensuale: Modesta è una donna capace di scombinare ogni regola del gioco pur di godere del vero piacere, sfidando la cultura patriarcale, fascista, mafiosa e oppressiva in cui vive. "L'arte della gioia" è l'opera scandalo di una scrittrice. È un'autobiografia immaginaria. È un romanzo d'avventura. È un romanzo di formazione. Ed è anche un romanzo erotico, e politico, e psicologico. Insomma, è un romanzo indefinibile, che conquista e sconvolge.

Alcune notizie biografiche sulla madre di Goliarda sono davvero stupefacenti visto il periodo storico in cui è vissuta (1880-1953): una semplice maestrina che per il suo attivismo e impegno politico e sociale ha l'opportunità di stringere amicizia con Lenin e Mussolini, dirigere a Torino La Camera del lavoro, collaborare a vari giornali e conoscere anche il carcere per essere anti-interventista nel primo conflitto mondiale; stabilisce una libera unione con un anarchico, Carlo Civardi, da cui avrà ben sette figli (un atto coraggioso a quel tempo!); morto il compagno, il PSI la invia in Sicilia e qui sempre senza sposarsi, si lega all'anarchico Giuseppe Sapienza, da cui avrà due figli, Goliardo e Goliarda; il regime fascista fa la guerra a questa rivoluzionaria e sovversiva che accoglie in casa sua oppositori del regime; la figlia Goliarda non verrà mandata neppure alle scuole pubbliche ma imparerà a casa e, quando si trasferiscono a Roma, verrà iscritta alla Reale Accademia di Arte Drammatica. In quale ambiente aperto e stimolante è vissuta Goliarda Sapienza!

Ci auguriamo che questa lettura sia un arricchimento per tutte le donne e gli uomini de Il Club del Libro e una scoperta utile per chi non la conosceva ancora. Vi aspettiamo sul Forum per discuterne insieme.

Autore Goliarda Sapienza
Editore Einaudi
Pagine 540
Prezzo di copertina 15,00 €
Prezzo e-book 6,99 €
Categoria Altri generi