«La ferrovia sotterranea» è il nome con cui si indica, nella storia degli Stati Uniti, la rete clandestina di militanti antischiavisti che nell’Ottocento aiutava i neri a fuggire dal Sud agli stati liberi del Nord. Nel suo romanzo storico dalle sfumature fantastiche, Colson Whitehead la trasforma in una vera e propria linea ferroviaria operante in segreto, nel sottosuolo, grazie a macchinisti e capistazione abolizionisti. È a bordo di questi treni che Cora, una giovane schiava nera fuggita dagli orrori di una piantagione della Georgia, si imbarca in un arduo viaggio verso la libertà, facendo tappa in vari stati del Sud dove la persecuzione dei neri prende forme diverse e altrettanto raccapriccianti. Aiutata da improbabili alleati e inseguita da uno spietato cacciatore di taglie, riuscirà a guadagnarsi la salvezza? La ferrovia sotterranea è una testimonianza scioccante – e politicamente consapevole – dell’eterna brutalità del razzismo, ma si legge al tempo stesso come un’appassionante storia d’avventura che ha al centro una moderna e tenacissima eroina femminile. Unico romanzo degli ultimi vent’anni a vincere sia il National Book Award che il Premio Pulitzer, è un libro che sembra già destinato a diventare un classico.

Uno dei motivi per i quali abbiamo scelto di leggere il romanzo di Whitehead, è che il testo è di recente pubblicazione (2017) e che lo scrittore, per questo romanzo, ha ricevuto il premio Pulitzer 2017. Il tema principale del libro riguarda lo schiavismo in America del sud. Ci auguriamo che la lettura condivisa possa fornirci molti spunti di approfondimento e di discussione, generando una discussione interessante e produttiva per tutti i lettori che parteciperanno alla lettura del mese. Come sempre, siete tutti invitati a prendere parte alla discussione sul nostro Forum. Vi aspettiamo!

Autore Colson Whitehead
Editore Sur
Pagine 376
Prezzo di copertina 20,00 €
Prezzo e-book 12,99 €
Categoria Classico - D'ambiente - Storico