Libro d'oro del Club del Libro 2013

Figlia del rettore dell'università di Vilnius in Lituania, Lina ha appena compiuto 15 anni quando, una sera di giugno nel 1941, la polizia sovietica irrompe in casa sua obbligandola assieme al padre, alla madre e al fratellino a lasciare tutto: la casa, i ricordi, gli effetti personali. Lina, infatti, esce di casa solo con la sua camicia da notte azzurra e il suo fido compagno: l'album da disegno. Senza spiegazioni e senza valide motivazioni se non il fatto che abbiano commesso "il crimine" (se così può essere definito) di essere venuti al mondo, la famiglia viene divisa, madre e figli da una parte e padre dall'altra, e i due nuclei così composti vengono caricati su treni merci e rapidamente portati nelle terre fredde e desolate della siberia a coltivare barbabietole in "fattorie" denominate Kolkhoz. Qui la fanno da padroni i soldati dell'NKDV i quali non risparmiano maltrattamenti, insulti e deprivazioni alle donne e ai bambini del campo. Lina, però, assieme alla mamma, al fratellino e alle altre donne cerca di sopravvivere, di non farsi sopraffare né dal freddo né dalla scarsità di cibo né dai poliziotti sovietici e, fino all'ultimo,per poter mettersi in contatto con il padre tramite i suoi disegni, senza mai perdere la speranza di poterlo riabbracciare un giorno.

Per il mese di Luglio 2013 il Club del Libro propone ai suoi iscritti la lettura di un libro a tratti davvero commovente che ci racconta di una realtà di cui purtroppo si conosce poco. >Ruta Sepetys infatti, con la sua Anna Frank lituana, riesce a far luce su un dramma dell'Europa contemporanea troppo a lungo sottaciuto. Partecipate con noi alla lettura di questo libro. Vi aspettiamo come sempre sul nostro Forum per parlarne insieme!

Autore Ruta Sepetys
Editore Garzanti Libri
Pagine 298
Prezzo di copertina 9,90 €
Prezzo e-book 6,99 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico