"Ci sono stati altri casi di malattia mentale nella vostra famiglia?". Comincia così, con la domanda di un assistente sociale dello Yorkshire, questo commovente viaggio interiore di Alan Bennett. Siamo nell'istituto psichiatrico dove l'anziana madre è stata ricoverata per una grave forma depressiva - così almeno viene definita. Comunque sì, ci sono stati altri casi in famiglia, ma lui non lo aveva mai saputo. È il padre a svelare per la prima volta, in un atto burocratico e liberatorio, la fine drammatica e segreta del nonno di Bennett, e a indurlo a esplorare le storie nascoste e dimenticate degli altri parenti. Ma come si distingue la malattia mentale dalle manie, dalle fobie, dal silenzio, dall'infelicità? Da parte di uno scrittore che in passato non poteva "neanche togliersi la cravatta senza prima far circondare la casa da un cordone di polizia", un libro come questo è un dono inaspettato. Solo di recente, infatti, Alan Bennett ha sentito il bisogno di dedicarsi a quell'attività vagamente disdicevole che è lo scrivere di sé. Cambiando tonalità, forse, rispetto agli scritti esilaranti e feroci che gli hanno dato la celebrità, ma sempre con lo stesso sguardo acuminato e instancabile. Uno sguardo di un'onestà dolente, poco caritatevole soprattutto verso le sue manchevolezze. E l'umorismo? Sotteso - o forse sospeso - in ogni pagina come uno strumento di interpretazione insostituibile, col quale ci si può destreggiare anche fra le tragedie della vita.

Come Libro del Mese di Luglio 2016 i membri del club del libro hanno deciso di leggere "Una famiglia come le altre" di Alan Bennett, che costituisce un unicum nella sua produzione letteraria: egli scava nel suo passato famigliare e personale, affrontando i propri e altrui dolori per raccontarci la storia dei suoi genitori e al tempo stesso ricercare se stesso. Alan Bennett, nato a Leeds (Yorkshire) nel 1934, è un famoso scrittore e sceneggiatore televisivo e teatrale di successo, in patria e all'estero, per le sue opere di satira pungente e per i suoi personaggi sopra le righe. Nella sua narrazione analizza spesso il rapporto tra follia e normalità, basti vedere le sue opere più note, come "Nudi e crudi" o "La follia di Re Giorgio". Se ci pensiamo, ognuno di noi ha in famiglia qualche segreto, qualche bugia o qualche dolore da sopportare. E quante volte ci è capitato di desiderare "una vita come le altre" per poi capire che in fondo tutti quanti provano i nostri stessi dolori e non c'è nulla di così tremendo da dover tenere nascosto? Unitevi a noi nella lettura del Libro del Mese e vedremo se Alan Bennett, attraverso la sua esperienza, saprà insegnarci ad affrontare le sofferenze della vita con uno sguardo disincantato e affettuosamente ironico.

Autore Alan Bennett
Editore Adelphi
Pagine 172
Prezzo di copertina 17,00 €
Prezzo e-book 9,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia