images/news-e-eventi/la-matematica-come-un-romanzo-la-nuova-collana-del-corriere-della-sera.jpg.jpg

È possibile trovare un trait d'union tra matematica e letteratura? Sembrerebbe di no: mondi troppo distanti, numeri e lettere che mal si mescolano tra loro. Eppure, il Corriere della Sera inaugurerà domani una nuova collana di saggi, La matematica come un romanzo, che si propone l'ambizioso obiettivo di far diventare chiara e comprensibile a chiunque la teoria del caos piuttosto che il calcolo infinitesimale, attraverso la vita e le scoperte di grandi personaggi.

Una collana in 24 volumi dedicata a pensatori e matematici, al mondo dei numeri e a scoperte scientifiche che hanno, ciascuna a suo modo, segnato il progresso. Ma, sebbene si tratti di saggi, la verve e le indubbie capacità degli autori riescono a far leggere la matematica come fosse un romanzo, appunto: verranno raccontate le vicende di chi ha dedicato la vita a scoprire equazioni impossibili, simmetrie nascoste, teoremi improbabili; si tratterà di un viaggio alla scoperta dei problemi che sono stati incontrati da chi si è cimentato, di come sono stati affrontati  e, infine, risolti.

La prima uscita sarà in edicola dal 18 giugno al prezzo di 7,90 euro: L'ultimo Teorema di Fermat di Simon Singh, libro che racconta la ricerca della dimostrazione dell'ultimo teorema di Fermat da parte di Andrew Wiles, tentata invano per quasi quattro secoli da numerosi valenti matematici.

Il secondo volume, disponibile dal 25 giugno, è L'equazione dell'anima di Arthur Miller. Miller intreccia le biografie di Wolfgang Pauli, uno dei teorici più brillanti dell'allora nascente fisica quantistica, e di Carl Jung, discepolo ribelle di Freud: due geni che elaborarono un linguaggio comune alla fisica ed alla psicologia, spingendosi a trovare una connessione tra ragione e misticismo.

Sono moltissimi i temi che risulterebbero affascinanti anche ai neofiti, o a chi la matematica proprio non l'ha mai digerita – forse perché, pensando alla matematica, ancora oggi inevitabilmente ci ritroviamo catapultati in quelle noiose lezioni sui banchi di scuola –: la successione di Fibonacci, la sezione aurea, la "prova matematica dell'inesistenza di Dio", i misteri della simmetria (attraverso un modello inaspettato come Mozart) e tanti altri ancora.

«La dimostrazione è la storia del viaggio e la mappa che ne registra le coordinate.» (da L'enigma dei numeri primi di Marcus du Sautoy, terza uscita del 2 luglio ndr). Una scoperta matematica è dunque come un buon libro: un viaggio; e le tappe che permettono di giungere alla sua dimostrazione, una mappa che aiuta a guidarsi... proprio come questa collana riuscirà sicuramente ad aiutare i lettori ad accrescere il proprio sapere su argomenti altrimenti fin troppo complessi.

E voi, lettori del Club del Libro, siete in buoni rapporti con la matematica o, per imparare a conoscerne il fascino ed i misteri, avete aspettato fino ad ora che venisse, finalmente, scritta "come un romanzo"?

SITO INTERNET DELLA COLLANA "LA MATEMATICA COME UN ROMANZO"

La matematica come un romanzo