SINOSSI

"Donne". Fin dall'inizio, e per tutte le sue trecento pagine, il romanzo è la confessione esplicita, quasi ostentata, di una passione stregante: le donne per Bukowski sono un'attrazione costante, un bisogno che non conosce pause e che non si arresta neppure di fronte alle situazioni più disagevoli, o riprovevoli, o disgustose. No, la ricerca del narrante non si arresta di fronte a nulla, forse perché l'amore, e la lotta, tra i sessi è per lo scrittore americano il mezzo più sicuro per tenersi in rapporto con la realtà. In questo, che è il suo romanzo più esplicitamente erotico, Bukowski racconta con strepitosa immediatezza le sue - vere o immaginarie - avventure d'amore. Storie tumultuose, incontri sguaiati e grotteschi, memorabili o miserabili prodezze, dialoghi enormemente e quasi commoventemente sboccati, sullo sfondo di un'esistenza randagia, segnata da maratone alcoliche, gravata dalla continua e assillante ricerca di denaro, vissuta sempre e rigorosamente on the road.

RECENSIONE

Uno scrittore non facile, se odiate le volgarità e lo scorrere della vita sempre alla ricerca di gran batoste. Magari non fa al caso vostro, ma dovreste provare a leggerlo almeno una volta nella vita. Di Bukowski sento la sua scrittura viva, realistica, ovviamente non di un mondo che ci debba appartenere per forza, ma scrive di una realtà che c'è, sappiamo che esiste. Una miriade di errori uno dopo l'altro, perdite, conoscenze, intrighi scialbi. Racconta il mondo della donna con i suoi occhi, tramite le donne che il suo alter ego Henry Chinasky incontra. Sembra che voglia descrivere donne isteriche, pazze e vuote, solo alla ricerca di sesso. Sembra che tutto sia visto da una visione maschilista e pessimista ma è ciò che vedrete sempre presente in Bukowski ma sotto c'è altro. Anche lui non fa di Chinasky una diagnosi proprio bella. Ubriacone, perdigiorno che non cerca la donna per bene perché sa di non poter essere l'uomo giusto per lei. Ma le ama, non riesce a vivere senza. Alla fine però sai che non è semplicemente una persona cattiva, perché comprende l'importanza di una donna con degli ideali e obiettivi della vita, rispettandola  e rimanendo con lei, senza gettare tutto all'aria come è sua abitudine fare.

[RECENSIONE A CURA DI KATYA]

Autore Charles Bukowski
Editore TEA
Pagine 302
Anno edizione 2008
Edizione Collana Teadue
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788850215744
Prezzo di copertina 9,00 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico