SINOSSI

Durante una gelida notte di dicembre Karen entra in coma apparentemente senza motivo. Rimarrà in coma per i venti anni successivi; l'innocenza svanisce, la spensieratezza adolescenziale sfuma in età adulta, eil gruppo di amici si muove tra alcolismo, droghe, yuppismo. Ma quando Karen si risveglia, inconsapevole dei mutamenti avvenuti, annuncia che la fine del mondo è più vicina di quanto non si immagini.

RECENSIONE

Un racconto che ha una prima parte dignitosa ma che trascende verso la metà in un non meglio definito genere fanta-catastrofico con fantasmi e fine del mondo annessi. Finale melenso e banalotto. Tra l'altro il linguaggio dei personaggi risulta a tratti poco credibile sia da adolescenti che da adulti, cosa strana in Coupland e che fa pensare più che altro a piccole falle nella traduzione. Consigliato agli appassionati del genere filosofico-ecologista-horror, se cercate un romanzo coi piedi per terra lasciate perdere.

[RECENSIONE A CURA DI MAURIZIO]

Autore Douglas Coupland
Editore Feltrinelli
Pagine 280
Anno edizione 2000
Edizione Universale economica
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788807816130
Categoria Horror - Thriller - Mistero - Gotico