SINOSSI

Nell'aprile 2006 il mondo editoriale italiano è stato sconvolto da un bestseller clamoroso e inaspettato, trasformatosi in poco tempo in un terremoto culturale, sociale e civile: "Gomorra". Un libro anomalo in cui Roberto Saviano racconta la camorra come nessuno aveva mai fatto prima, unendo il rigore del ricercatore, il coraggio del giornalista d'inchiesta, la passione dello scrittore e, soprattutto, l'amore doloroso per una città da parte di chi vi è nato e cresciuto. Per scriverlo si è immerso nel "Sistema" e ne ha esplorato i mille volti. Ha così svelato come, tra racket di quartiere e finanza internazionale, un'organizzazione criminale possa tenere in pugno un'intera regione, legando firme del lusso, narcotraffico, smaltimento dei rifiuti e mercato delle armi. "Gomorra" è un libro potente, appassionato e brutale, un viaggio sconvolgente in un mondo in cui i ragazzini imparano a sparare a dodici anni e sognano di morire ammazzati, in cui i tossici vengono usati come cavie per testare nuove droghe. Pagine che afferrano il lettore alla gola e lo trascinano in un abisso dove nessuna immaginazione è in grado di arrivare.

RECENSIONE

Questo libro è suddiviso in due parti dove ognuna racconta vari aneddoti della vita in Campania. Dagli affari della camorra, da come viene gestito lo smaltimento dei rifiuti, a come sia il lavoro in nero in alcune fabbriche tessili, da come sono le donne e come vive una piccola luce di speranza in mezzo a questa malavita prima di essere spenta.
Quando ho finito di leggere questo libro, interessata all'autore, ho letto la sua biografia e sono rimasta stupita a vedere la sua età e lì ho realmente capito che solo lui, un giovane ragazzo, che ha vissuto e ha visto,  avrebbe potuto scrivere un libro del genere. Leggendo si comprende come vivono i ragazzi a Napoli. Capisci che a Napoli la strada ti apre gli occhi subito e vieni sbattuto in una realtà che diventa tutta tua. Iniziano da subito ad "addestrarli", a fargli credere di essere importanti per poi sfruttarli solamente. Capisci come i ragazzi crescono e cosa fanno per vivere e cosa la vita insegna a loro. Gli fanno credere che la vita e solo questo e che questa sia la loro unica scelta di vita possibile. Leggi di boss-bambini convinti che l'unico modo di morire e quello da vero uomo...morire ammazzati. Ci si abitua a vedere scene forti, a crescere in situazioni dure. 
Impari anche quanto la gente che forma questa vita criminale si creda importante e come sia vanitosa. I boss si ispirano negli abiti, nelle movenze e anche a come tenere la pistola, ai divi del cinema e si fanno costruire ville uguali a quelle di alcuni film noti... Conosci la famiglia, il loro modo di vivere, di rispettarsi e i loro soprannomi.  Scopri che anche loro amano la cultura. Chi ama alcuni periodi storici, chi ama alcuni autori... e quando siano crudeli nella decisione di togliere la vita a qualcuno.
Il libro parla degli affari criminali della camorra e dei luoghi dove questa è nata e vive: Napoli, Casal di Principe, San Cipriano d'Aversa, Mondragone, Giugliano, luoghi dove l'autore è cresciuto e dei quali fa conoscere al lettore un'inedita realtà. Racconta come la gente del luogo convive con la criminalità e come la protegge scendendo in strada a ribellarsi alle forse dell'ordine.
Saviano racconta una realtà da leggere, perché solamente conoscendo la verità si può combatterla.

[RECENSIONE A CURA DI KATYA]

Autore Roberto Saviano
Editore Mondadori
Pagine 395
Anno edizione 2010
Edizione Collana Piccola biblioteca oscar
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788804569152
Prezzo di copertina 10,00 €
Prezzo e-book 7,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia