SINOSSI

Otto anni dopo l'uscita in Italia di Harry Potter e i doni della morte, l'ottava storia del mondo magico di J.K. Rowling.

Basato su una storia originale di J.K. Rowling, John Tiffany e Jack Thorne. L'ottava storia della serie di Harry Potter è la prima a essere rappresentata a teatro. Uno spettacolo diviso in due parti.

"Anche se possiamo dire di non essere mai del tutto usciti dal mondo di Harry Potter, l'idea di poterci immergere un'altra volta in quelle magiche atmosfere con un nuovo episodio della saga ci riempie di gioia e di trepidazione. Come fans di Harry Potter, siamo molto grati a J.K. Rowling per questo inatteso regalo; come suo editore italiano, siamo riconoscenti e orgogliosi per la fedeltà che ci ha sempre dimostrato" - Luigi Spagnol, Presidente di Salani Editore

È sempre stato difficile essere Harry Potter e non è molto più facile ora che è un impiegato del Ministero della Magia oberato di lavoro, marito e padre di tre figli in età scolare. Mentre Harry Potter fa i conti con un passato che si rifiuta di rimanere tale, il secondogenito Albus deve lottare con il peso dell'eredità famigliare che non ha mai voluto. Il passato e il presente si fondono minacciosamente e padre e figlio apprendono una scomoda verità: talvolta l'oscurità proviene da luoghi inaspettati. 
Basato su una nuova storia originale scritta da J.K. Rowling, Jack Thorne e John Tiffany, Harry Potter and the Cursed Child, una nuova opera teatrale di Jack Thorne, è la prima storia ufficiale di Harry Potter rappresentata a teatro.

RECENSIONE

Harry Potter e la maledizione del'erede è stato un vero a proprio caso letterario. Il pubblico, amante di Harry Potter, si è mostrato unanime nel condannare questa sceneggiatura alla quale J.K Rowling ha collaborato con altri due autori: Jack Thorne e Jhon Tiffany.

Molti commenti letti in rete lamentano una netta distanza con i sette romanzi precedenti, sia nella trama che nello sviluppo dei personaggi (ricordiamo che il libro racconta le avventure del mago più famoso, ormai adulto e padre di tre figli).

Leggendo il libro ero quindi molto prevenuta, non mi aspettavo nulla di positivo, ma la lettura mi ha invece mi ha piacevolmente sorpresa. Ovviamente la distinzione tra romanzo e sceneggiatura di per sé presenta delle differenze, non ci possiamo aspettare le descrizioni precise e approfondite dei libri precedenti, e inoltre  il fatto di non vedere le scenografie non giova alle possibilità espressive della sceneggiatura. Per quanto riguarda i protagonisti  le differenze caratteriali sono secondo me scontate, i personaggi sono ormai adulti e genitori, quindi con preoccupazioni e modi di fare differenti.

Trovo che la trama sia interessante, non ho notato nessuna mancanza ( cosa che è stata detta tante volte)  sin da subito sono stata spinta dalla curiosità, divorando letteralmente il libro. È stato bello ripercorrere i corridoi di Hogwarts, conoscere nuovi alunni e tornare ancora una volta al binario 9 e ¾ , ed è stato piacevole ritrovare alcuni protagonisti che ci hanno emozionati negli anni. Non so se sia proprio il fatto di aver sentito la mancanza di queste avventure a condizionarmi, ma consiglio assolutamente la lettura di questa sceneggiatura, ma solo a condizione  di essere disposti a non fare il confronto con i precedenti, è impossibile secondo me metterli sullo stesso piano.

[RECENSIONE A CURA DI CLAUDIA1221]

Autore J. K. Rowling, John Tiffany, Jack Thorne
Editore Salani
Pagine 368
Anno edizione 2016
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788869187490
Prezzo di copertina 19,80 €
Prezzo e-book 14,99 €
Categoria Fantascienza - Fantastico - Fantasy