SINOSSI

Estate 1990. Giacomo ha quasi otto anni, è arrabbiato con la mamma e decide di scappare di casa insieme al drago di peluche. Non ha paura di scoprire cosa succede di notte nei giardini pubblici, non ha paura dei drogati che incontra, non lo spaventa neppure che uno di loro conosca il suo nome e la data di nascita. La mamma di Giacomo, invece, si spaventa parecchio quando si sveglia e si accorge che il figlio a casa non c'è. Tra pianti e risate, fughe e inseguimenti, i protagonisti di questa storia (compreso il drago) capiranno qual è il sapore della libertà.

RECENSIONE

Un romanzo con protagonista un bambino, Giacomino, che non conosce il padre ma che si procura l'opportunità per conoscerlo quando decide di scappare dalla madre, dopo uno schiaffo ricevuto da essa, nato dalle insicurezze della donna. Questo fuggire si tramuta in una sorta di rapimento da parte del padre e la sua compagna. Il drago del racconto è il suo peluche, Prezzemolo, che accompagna Giacomino nella sua ultima fase dell'infanzia, prendendo la sembianza metaforica di un grillo parlante della sua coscienza, che lo tiene legato ai suoi due amici Pollo ed Elio. Così ci ritroviamo dentro la storia che seguiamo con occhi e pensieri di bambino. I personaggi in generale non sono per nulla indifferenti, si amano o si odiano, e hanno una presenza forte nelle pagine di questo romanzo. Lo scrittore Walter Lazzarin ci mette davanti a problemi di vita quotidiana tra insicurezze, sensi di colpa, indipendenze ma con la semplicità di un bambino e con un pizzico di magia.

[RECENSIONE A CURA DI KATYA]

Autore Walter Lazzarin
Editore Red Fox
Pagine 160
Anno edizione 2015
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 8899585008
Prezzo di copertina 12,00 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico