SINOSSI

In un mondo che corre sempre più veloce, l'uomo si è distaccato dalla Terra e dalle sottili energie che ne alimentano l’esistenza, perdendo di vista quelli che sono gli impalpabili equilibri dell’Universo e le conseguenze delle singole scelte e azioni. La vita, con tutte le sue forme silenziose, non è più al centro dei suoi pensieri ed è stata messa da parte; eppure continua a pulsare ogni giorno tutt’intorno con sorprendente meraviglia, se solo ci si ferma per un istante ad osservarla. Nuove "leggi" inventate hanno preso il posto di quelle reali e si sono fatte strada tra le "città". Gli effetti sono come un "fumo grigio" che si solleva nel Cielo, che non sempre si riesce a vedere, ma che quando si rivela si prova ad allontanare rincorrendolo con fatica.Le differenti problematiche ambientali vengono esaminate in una visione d’insieme, partendo dalla loro origine e matrice comune. In questo modo, la riflessione assume molteplici forme: da saggio sulla natura, a racconto filosofico, da studio sociologico a romanzo sulla vita dell’essere umano, su quello che ha sottovalutato e dimenticato, decidendo di vivere in "un mondo dalle pareti di cristallo".

RECENSIONE

Più che un saggio, forse, una riflessione, attuale e contemporanea come non mai. Gabriele Bertacchini ci porta all'interno degli equilibri, sottili e fragili, che sono propri del mondo della natura e delle sue leggi, e lo fa in modo semplice, con naturalezza, come chi sembra averne compreso i segreti più profondi. Il linguaggio, poetico e leggero, quasi commovente, quando vengono descritte le piccole grandi meraviglie che ci circondano ogni giorno, si trasforma in duro e pungente quando vengono analizzate le diverse problematiche ambientali e la nostra società. Tutto questo permette un trasporto emotivo che non può non coinvolgere il lettore, sin nelle viscere, nei pensieri che vengono sviluppati uno dopo l'altro, in una continua sorpresa. La vita, con tutte le sue forme incantate, è al centro dell'intero libro, in una visione olistica e spirituale, che ricorda quegli degli indiani d'america. Il libro è suddiviso in tre sezioni. La prima è dedicata alla meraviglia e allo stupore di fronte alle bellezze del creato, alla comprensione della sua armonia e perfezione e di come l'essere umano ne faccia parte. La seconda ci porta all'interno di noi stessi, delle nostre abitudini e delle regole che abbiamo costruito, che si scontrano con le energie vitali del mondo della natura. Il mondo di cristallo diviene così un modo per raccontare il nostro tempo, con sconcertante disorientamento. La terza parte passa in rassegna, a volo d'uccello, le principali problematiche ambientali a cui il nostro tempo deve guardare: cambiamenti climatici, esaurimento delle risorse, inquinamento dell’aria e dell'acqua. A svelarcele non sono tanto gli studi scientifici, che pure si capisce come siano posseduti dall'autore, quanto i piccoli segnali che si vedono ogni giorno dietro casa, come l'anticipo delle fioriture o la scomparsa delle raganelle. Un libro senza tempo, di facile e immediata lettura e comprensione. Una delicata finestra sulla natura da fare propria e custodire nel proprio io. Di certo un manifesto per l'ambiente, scritto con il cuore, che riporta al più famoso "primavera silenziosa", per risvegliare le coscienze e capire che strada intraprendere. Non un punto di arrivo ma un punto da cui partire; da tenere nella libreria di casa e da regalare anche ai più giovani.

[RECENSIONE A CURA DI FRANCY.F1980]

Autore Gabriele Bertacchini
Editore Robin
Pagine 192
Anno edizione 2017
Edizione Robin&sons
ISBN-10(13) 9788867409884
Prezzo di copertina 14,00 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico