SINOSSI

Al premio Nobel per la letteratura Prétextat Tach restano solo due mesi di vita. La stampa di tutto il mondo gli implora un'ultima intervista ma lo scrittore, feroce misantropo, si è chiuso da anni in un silenzio segreto. Solo cinque giornalisti riusciranno a incontrarlo. Dei primi quattro, il geniale romanziere si prenderà sadicamente gioco e con una dialettica in cui si mescolano logica e malafede riuscirà ad annientarli sia sul piano personale sia su quello professionale. Il quinto invece, una donna, riuscirà a tenergli testa e avere la meglio su di lui: l'intervista diventerà interrogatorio e poi duello senza respiro. Ne verrà fuori, poco a poco, un ritratto di Prétextat Tach del tutto inedito.

RECENSIONE

Nella mia ultima missione in biblioteca sono partita ben equipaggiata, zaino (vuoto) in spalla e lista di autori da cercare alla mano. Amélie Nothomb era da tempo nella mia lista degli autori da scoprire anche se non ricordo come ci sia finita, ma non mi importa più come perchè dopo avere letto Igiene dell'assassino, il suo primo romanzo, questa autrice resterà di buon diritto nella lista degli autori da apprezzare. Questo breve romanzo è originale, ironico e assurdo allo stesso tempo, un susseguirsi di dialoghi surreali e divertenti che assumono un ritmo così incalzante da trascinarti in poche ore all'ultima pagina. Talvolta ho faticato a seguire i dialoghi troppo macchinosi, in cui l'autrice dimostra le sue abilità dialettiche e logiche. Unica pecca il finale, forse un pò banale, ma l'idea alla base del romanzo è sicuramente geniale.

[RECENSIONE A CURA DI ARIEL]

Autore Amélie Nothomb
Editore Voland
Pagine 155
Anno edizione 2006
Edizione Amazzoni
ISBN-10(13) 9788888700588
Prezzo di copertina 13,00 €
Prezzo e-book 6,49 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico