SINOSSI

Il filo nero, segue il successo del primo volume della trilogia "Il filo rosso del destino". Questa nuova pubblicazione di Haiku è stata riccamente illustrata dalla stessa autrice con 30 tavole realizzate a china. Un nuovo omaggio alla più poetica leggenda giapponese mai conosciuta.

RECENSIONE

In questo libro, più che nel suo predecessore, l'arte dell'autrice si affina. Anche qui il materiale semantico è ridottissimo, ma a differenza dell'altro, la presenza ripetitiva del filo rosso si attenua, rimanendo un leitmotiv più velato e sottinteso che non esplicitamente espresso. Sono presenti haiku di impianto tradizionale e altri, più scarni, che hanno quasi un afflato metafisico. Il tutto è impreziosito da illustrazioni a china della stessa autrice. Bambù, pruni, ideogrammi, paesaggi, libellule e farfalle, una cerimonia del te, pure un enso, a cesellare il tutto: quel cerchio privo di un punto che rappresenta la costante, mai compiuta ricerca, dell'artista e più in generale della vita stessa. Se una piccola critica va espressa, è che nella foga di creare l'autrice ha voluto dare fondo, soprattutto nella parte grafica, a tutti i temi che le sono cari e quindi le illustrazioni, pur attinenti al testo e alle suggestioni create dai versi, sono prive di unità stilistica. Una pecca trascurabile in fondo: una sorta di errore di gioventù, tanto più che venendo da un artista matura e versatile denota la sua immutata giovinezza artistica, la sua voglia di sperimentarsi e mettersi in gioco... A noi lettori non resta che disporci alla paziente attesa di un filo d'oro, degna possibile chiusura della trilogia di cui questo filo nero rappresenta il secondo, riuscito, capitolo.

[RECENSIONE A CURA DI MAGURANO]

Autore Anna Zennaro
Pagine 71
Anno edizione 2017
ISBN-10(13) 9781973535409
Prezzo di copertina 16,50 €
Categoria Altri generi