SINOSSI

"Le donne non sono una fauna speciale e non capisco per quale ragione esse debbano costituire, specialmente sui giornali, un argomento a parte: come lo sport, la politica e il bollettino meteorologico." Così Oriana Fallaci nella premessa a "Il sesso mutile", il primo libro che pubblica con Rizzoli, nel 1961. L'anno precedente, inviata de "L'Europeo", è in Oriente insieme al fotografo Duilio Pallottelli per un'inchiesta sulla condizione delle donne. È partita alla ricerca di tracce di felicità e nel libro racconta la sua esperienza: a Karachi in Pakistan assiste al matrimonio di una sposa bambina e si ribella all'idea delle donne velate; a New Delhi incontra Rajkumari Amrit Kaur, figura di grande potere in India, e le sembra che assomigli a sua nonna; in Malesia conosce le matriarche che vivono nella giungla; a Singapore c'è la scrittrice Han Suyin, che sente subito amica; a Hong Kong le cinesi non hanno più i piedi fasciati ma le intoccabili abitano ancora sulle barche, senza mai scendere a terra; a Tokio è smarrita di fronte all'impenetrabilità delle giapponesi e a Kyoto affronta il mistero delle geishe; alle Hawaii cerca invano i segni di un'esistenza originaria intatta. Il viaggio si conclude a New York, dove il progresso ha reso più facile la vita delle donne a confrontarsi con "un mondo di uomini deboli, incatenati a una schiavitù che essi stessi alimentano e di cui non sanno liberarsi".

RECENSIONE

Interessante lettura del mondo della donna che nel 1961 la giornalista Oriana Fallaci, in occasione di un lungo viaggio nel mondo orientale, scrisse alla scoperta della condizione femminile. Questo viaggio, fatto insieme al fotografo Duilio, nasce per scrivere e scoprire la quotidianità delle donne orientali e anche per cercare un confronto con la donna occidentale. Questo porterà l'autrice a molte opinioni, scoperte, usi che ai nostri occhi sembrano follie ma che per queste donne rappresentano il quotidiano. Parliamo del burqa, dei piedi fasciati delle cinesi, delle geishe, un mondo femminile a volte misterioso e incomprensibile per gli occhi di una donna che non vive in questa società. Con occhio critico cogliere tutti i particolari delle diverse realtà incontrate lungo il viaggio, raccontando come la donna nel corso dei secoli ha sofferto, e che, a distanza di anni ancora oggi vediamo quanto sia ancora presente il problema. La Fallaci arriverà ad una sola conclusione, che ogni donna in qualsiasi capo del mondo è uguale, avrà più meno pazienza, più o meno femminilità, più o meno sottomissione ma il mondo femminile è molto simile per causa del sessismo che ci si porta dietro dopo molti secoli anche nel mondo occidentale. Ottima lettura che da dei spunti di riflessione che portano alla curiosità di conoscere di più queste culture. Una lettura ricca di curiosità, con una giusta dose di dati storici, riflessioni e aneddoti che rende le lettura piacevole e scorrevole.

[RECENSIONE A CURA DI KATYA]

Autore Oriana Fallaci
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Pagine 205
Anno edizione 2009
Edizione Collana Opere di Oriana Fallaci
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788817028356
Prezzo di copertina 10,00 €
Prezzo e-book 7,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia