SINOSSI

"È un privilegio o una condanna scoprirsi americani? Il paese delle mille contraddizioni, la nazione del melting pot, dove la geografia, ignorata a scuola, s'impara grazie alle tante guerre combattute, dal lontano Vietnam all'attuale Iraq, è ancora la migliore democrazia del mondo? Gli americani sono convinti di aver sempre ragione, per definizione, semplicemente perché loro sono americani e tu no. Meno sanno del mondo e più lo vogliono cambiare a propria immagine e somiglianza. Ma forse il segreto dell'America sta nel suo essere una nazione eccitante, un paese che non ti annoia mai, dove ciò che sembrava certo ieri diventa assurdo domani. L'America ti inganna, ti tradisce, ti diverte. Vittorio Zucconi, da molti anni corrispondente per la Repubblica dagli Stati Uniti, compie un viaggio fra i riti e i tic di questo immenso paese: dal McDonald al poker in tv, dalle devastazioni dell'uragano Katrina alla mania di grandezza dei grattacieli, che resiste anche dopo la tragedia dell'11 settembre 2001".

RECENSIONE

Quando parliamo di Stati Uniti, in realtà, intendiamo un territorio vastissimo, che è lambito da due oceani, che ricomprende una serie infinita di paesaggi e di climi. In altre parole, nella loro stessa esistenza, gli Stati Uniti hanno il seme della contraddizione: si tratta infatti di uno dei paesi più densamente popolati al mondo, eppure gran parte delle sue terre sono disabitate; vi sono metropoli da oltre 15 milioni di abitanti, eppure le capitali dei vari stati sono piccole città che non superano il milione di persone. Vi sono poi contraddizioni molto più gravi: migliaia di soldi sono spesi nelle missioni militari, ma solo recentemente si deciso per la sanità pubblica; i premi Nobel di questo paese sono un numero grandissimo, eppure gli americani conoscono pochissimo la storia prima di Colombo e ancora meno conoscono la geografia. Ancora oggi, gli Stati Uniti sono visti come la terra delle opportunità, ma si tratta di un paese che ha sterminato gli indiani, che vive ancora profonde divisioni razziali e che ancora non ha rinunciato definitivamente alla pena di morte. Nonostante i difetti però, questo paese ha un'opinione pubblica vigile, e un corpo elettorale spietato nei confronti degli imbroglioni. Ma soprattutto è difficile immaginare una società più aperta di quella statunitense (l'attentato al World Trade Center ha solo in parte scalfito questa caratteristica): si tratta di una società multiculturale, ospitale, imprevedibile, coinvolgente, una bellissima mescolanza di colori identità ed esperienze. È difficile comprenderlo per noi: l'Italia è ancora troppo lontana da questa concezione, impantanata nel campanilismo e nel pregiudizio.

[RECENSIONE A CURA DI PORTHOSEARAMIS]

Autore Vittorio Zucconi
Editore Mondadori
Pagine 309
Anno edizione 2010
Edizione Collana Oscar bestsellers
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788804595854
Prezzo di copertina 10,00 €
Prezzo e-book 6,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia