SINOSSI

Il tema del "sognatore romantico", dell'eroe solitario che trascorre i suoi giorni immerso nella dimensione del sogno, in un paradiso di illusioni, malinconicamente sofferente e lontano dall'incolore e consueta realtà dell'esistenza quotidiana, percorre come un filo d'Arianna questo racconto.

RECENSIONE

Il romanzo racconta uno squarcio di vita di un uomo, il quale non riesce a vivere fino in fondo. Il protagonista è infatti uno spettatore del mondo, attento al modo e al mondo in cui vivono gli altri, dimenticandosi in un certo senso di vivere egli stesso. È in costante attesa di qualcosa o qualcuno che possa aiutarlo a trasformarsi da spettatore della vita in attore. La storia che ci racconta Dostoevskij ha un ambientazione che rispecchia alla perfezione quello che è lo stato d'animo del protagonista, il racconto si svolge infatti nelle notti, è proprio in questi momenti, quando tutti sono al riparo nelle case e le strade sono deserte che il protagonista riesce finalmente ad uscire dal mondo delle sue fantasie e delle sue visioni per cercare di vivere al massimo un incontro inaspettato. Il romanzo è caratterizzato da monologhi dei due protagonisti, essi confidano a vicenda quelle che sono le difficoltà della loro vita. Ciò che li accomuna è infatti l'impossibilità di vivere, ma se da un lato il protagonista si auto infligge questo male di vivere, dall'altro lato c'è tutta la voglia e volontà di abbandonare questo stato di sofferenza e solitudine, pronta a cogliere qualunque opportunità le si presenti davanti, prima che questa possa scivolargli tra le dita.

[RECENSIONE A CURA DI CLAUDIA1221]

Autore Fedor M. Dostoevskij
Editore Mondadori
Pagine 105
Anno edizione 2003
Edizione Collana Oscar classici moderni
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788804516040
Prezzo di copertina 8,00 €
Prezzo e-book 0,99 €
Categoria Classico - D'ambiente - Storico