SINOSSI

In una calda notte di primavera, una giovane donna cammina nel centro esatto della strada provinciale. È nuda e coperta di sangue. A stagliarla nel buio, i fari di un camion sparati su di lei. Quando, poche ore dopo, verrà ritrovata morta ai piedi di un autosilo, la sua identità verrà finalmente alla luce: è Clara Salvemini, prima figlia della più influente famiglia di costruttori locali. Per tutti è un suicidio. Ma le cose sono davvero andate cosi? Cosa legava Clara agli affari di suo padre? E il rapporto che la unisce ai tre fratelli - in particolare quello con Michele, l'ombroso, il diverso, il ribelle - può aver giocato un ruolo determinante nella sua morte? Le ville della ricca periferia barese, i declivi di ogni rapida ascesa sociale, una galleria di personaggi indimenticabili, le tensioni di una famiglia in bilico tra splendore e disastro: utilizzando le forme del noir, del gotico, del racconto familiare, scandite da un ritmo serrato e da una galleria di personaggi e di sguardi che spostano continuamente il cuore dell'azione, Nicola Lagioia mette in scena il grande dramma degli anni che stiamo vivendo.

RECENSIONE

Si sa che non sempre vittoria equivale a qualità è questo il caso de La Ferocia di Nicola Lagioia, libro vincitore del premio Strega 2015. Il libro di Lagioia appare subito confusionario, frammentato nel tempo e nello spazio in modo poco organizzato e poco chiaro. I personaggi che ci vengono presentati  dall'autore rimangono per tutte le pagine del libro un abbozzo. La storia, dopo un buon inizio, va letteralmente in stallo e anzi  si può dire che manchi per lunghi tratti. Fino a metà lettura non si capisce bene dove voglia andare a parare Lagioia. Merito dell'autore è però quello di mettere sotto gli occhi del lettore quelle che sono le condizioni politico – ambientali della Puglia. Il marcio che si cela dietro la grandi imprese e le grandi costruzioni, ma soprattutto nelle pubbliche amministrazioni. Il problema è che, questo aspetto della lettura con questa tematica attualissima e tristemente diffusa nell'Italia di oggi, non merita la lettura del romanzo. Molti sono gli spunti e i riferimenti a film e serie tv, da cui l'autore ha tratto grande ispirazione, il tutto viene però unito non nel migliore dei modi. In particolare la cosa che rimane impressa di questo libro è la gran confusione, si fatica a stare dietro ai continui ricordi, pensieri e flashback dei protagonisti, una tecnica usata da molti autori, ma ad essere onesti occorre anche saperla padroneggiare...

In poche parole il romanzo di Nicola Lagioia può essere considerato come una bozza promettente, rimasta però incompleta e poco sviluppata. La parte finale è quella con un po' più di movimento ed è su quella che avrebbe dovuto concentrarsi l'autore, e non sull'utilizzo di un linguaggio forzatamente complesso e a tratti soporifero.

[RECENSIONE A CURA DI CLAUDIA1221]

Autore Nicola Lagioia
Editore Einaudi
Pagine 411
Anno edizione 2014
Edizione Collana Supercoralli
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788806214562
Prezzo di copertina 19,50 €
Prezzo e-book 8,99 €
Categoria Giallo - Poliziesco - Noir