SINOSSI

Uno dei romanzi italiani più fortunati degli ultimi anni esce ora in edizione speciale. Anni Venti: storia di una famiglia che vive in Armenia e che in attesa dell'arrivo di parenti trasferiti in Italia restaura una masseria per accoglierli. Ma la guerra e il genocidio sotto cui soccomberà il popolo armeno faranno sì che l'incontro con questi familiari italiani non avverrà mai. Sarà anzi uno dei più giovani, unico maschio sopravvissuto, a raggiungere l'Italia e a dare inizio a una speranza per la famiglia e il popolo che rappresenta.

RECENSIONE

Antonia, l'autrice del romanzo, italiana, veneta per la precisione, ma di origini armene, riceve da suo nonno un dono prezioso: il racconto della storia della sua famiglia. Una famiglia che in queste pagine rivive tutto il dolore che ha dovuto subire durante il primo vero genocidio del XX secolo, lo sterminio cioè degli armeni da parte dei turchi nel 1915. Il romanzo si divide in due parti, inseparabili però l'una dall'altra: la storia degli uomini è divisa da quelle donne, ma entrambe sono storie truci e tristi. Antonia racconta tutto con una prosa scorrevole e semplice, come i ricordi di una bambina che ripropone il racconto appena fattole dal vecchio nonno. Da un lato il racconto della sorte degli esponenti maschi della famiglia e dall'altro la storia dell'esodo che toccò poi alle figlie femmine e che costrinse perciò gli armeni ad allontanarsi dal loro paese d'origine e dalle loro terre. Il pensiero della fastosa masseria di famiglia, ancora in costruzione, la "masseria delle allodole", rievoca così il ricordo delle drammatiche sofferenze di un popolo.

[RECENSIONE A CURA DI FRANCIS]

Autore Antonia Arslan
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Pagine 233
Anno edizione 2007
Edizione Collana Burextra
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788817016339
Prezzo di copertina 10,90 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico