SINOSSI

Miss Ratched governa con pugno di ferro e un soave sorriso il suo reparto, in un ospedale psichiatrico dell'Oregon. All'improvviso arriva McMurphy, un irlandese cocciuto, spavaldo, allegro e ribelle. Fra lui e la Grande Infermiera inizia subito un duello all'ultimo sangue. McMurphy risveglia gli altri pazienti ormai svuotati e avviliti dalle "terapie" e riesce a portare una ventata di umanità e calore. Da questo romanzo è stato tratto l'omonimo film di Milos Forman interpretato da Jack Nicholson, Will Sampson e Danny De Vito.

RECENSIONE

Probabilmente è più conosciuto il film che ne è stato tratto rispetto al libro, ma sarebbe un vero peccato perdersi la lettura di questo romanzo. Originale la scelta di affidare la narrazione a capo Bromden, un indiano massiccio creduto da tutti sordo e muto: egli può essere così testimone silenzioso e pian piano partecipe nella lotta tra McMurphy e la grande infermiera. Si affronta un tema non facile: la malattia mentale e ciò che ne consegue. Chi decide se una persona è pazza o non lo è? In base a quali limiti o regole si decidono le persone che hanno bisogno di essere curate per rientrare nella "norma"? E' un libro di denuncia contro il sistema di potere: la "cricca" che vuole renderci tutti automi identici e che invece è essa stessa a renderci "diversi" se non riusciamo a stare al passo.Prendo spunto dalle parole di Giorgio Antonucci, stretto collaboratore del più conosciuto Franco Basaglia, per affermare che "Follia è utopia: è desiderare un mondo diverso. Se qualcuno decide che un'altra persona non ha il cervello a posto, oltre a toglierle ogni speranza, permette che questa possa essere portata via con la forza, rinchiusa e sottoposta a trattamenti incredibili senza potersi difendere".Fa un male quasi fisico, come un pugno nello stomaco, leggere dei trattamenti ai quali erano sottoposti i pazienti in quegli anni: elettroshock, lobotomia, celle d'isolamento, diversi modi per rendere una persona inerme, schiacciata dal potere del sistema. Un libro consigliato quindi, il cui unico difetto è, dopo un inizio un po' a rilento in cui si fatica a entrare nella storia, la fine forse troppo precipitosa che smorza un po' l'intensità del resto del libro.

[RECENSIONE A CURA DI EMILYJANE]

Autore Ken Kesey
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Pagine 394
Anno edizione 2001
Edizione Collana Superbur
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788817113465
Prezzo di copertina 9,90 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico