SINOSSI

"Mi sentivo prima tedesco, poi ebreo". In questa frase piena di rimpianto è racchiuso il fascino dei tre romanzi brevi di Fred Uhlman, nati dalla tragedia di chi, disperatamente innamorato della Germania e della sua cultura, nel 1933 se ne vide improvvisamente allontanato in nome di una motivazione aberrante come quella razziale. Nella "Trilogia del ritorno", con una scrittura di grande sobrietà, Fred Uhlman ha dettato la condanna di una delle pagine più agghiaccianti della nostra storia, creando tre gioielli di prosa che si illuminano vicendevolmente e riuscendo a trarre una musica semplice e malinconica dalla tragedia di un'intera civiltà.

RECENSIONE

L'AMICO RITROVATO: In Germania è il periodo dell'ascesa del partito nazionalsocialista ed il periodo nel quale è ambientato il libro. Narra di un amicizia tra due ragazzi. Hans Schwarz è un ragazzo ebreo di sedici anni, con un carattere chiuso e solitario; Konradin von Hohenfels è un aristocratico. Hans vive nel suo mondo. Non ha un amico con cui condividere le sue idee e le sue passioni fino all'arrivo in classe di un nuovo compagno: Konradin. Con il tempo tra di loro nasce un'amicizia vera e sentita. Vivono la loro giovinezza non rendendosi conto di tutto ciò che accade attorno a loro e non pensano al fatto che ciò che sta per succedere potrà riguardarli da vicino. Fino al giorno in cui dovranno ricredersi e separarsi. Qui ci sarà un’interruzione che porterà ad una fine tutta da leggere e da scoprire.

UN'ANIMA NON VILE: questo racconto conclude la storia dell'amico ritrovato. La storia viene narrata da Konradin in prigione, tra vari flashback, ricordi e fatti vissuti, all'amico Hans con una lunga lettera. E' la stessa storia dell'"Amico ritrovato" ma raccontata da Konradin. Questo permette al lettore di ottenere tante risposte circa certe azioni compiute da Konradin verso Hans. Il primo racconterà al suo amico mediante una lettera di tutti i momenti vissuti con e senza Hans, affrontando anche tematiche che erano rimaste in sospeso nel primo capitolo, prima tra tutte il rapporto con i propri genitori.

NIENTE RESURREZIONI, PER FAVORE: in questo romanzo si narra di Simon Elsas, un giovane ebreo che, andando a vivere in America, sfugge al periodo nazista. Simon ritorna a Stoccarda dopo anni e non riconosce la città della sua gioventù. Entrando in un bar incontra per caso un ex compagno di classe che affettuosamente organizza un incontro di ex compagni di scuola invitandolo la sera stessa a partecipare. Simon avrà modo di incontrare anche Charlotte von Gültligen, di cui per molti anni era stato innamorato. Simon inizialmente vive tutti questi incontri in modo distaccato, ma in un impeto di rabbia riuscirà finalmente a tirar fuori i propri sentimenti che sembravano ormai dimenticati, dando sfogo alla sua tristezza dovuta alle tante mortificazioni sofferenze patite.

[RECENSIONE A CURA DI KATYA]

Autore Fred Uhlman
Editore Salani
Pagine 222
Anno edizione 2011
Edizione Collana Biblioteca economica Salani
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788884519740
Prezzo di copertina 5,90 €
Prezzo e-book 4,99 €
Categoria Contemporaneo - Attualità - Sociale - Psicologico