SINOSSI

L'autrice de "La casa degli spiriti" e tanti altri successi internazionali rivisita la storia di Diego de la Vega, l'eroe mascherato che nell'America dell'Ottocento combatteva strenuamente per difendere la giustizia. Figlio del latifondista spagnolo Alejandro e di una bellissima india "guerrillera" ante litteram, Diego eredita dal padre il senso dell'onore e dalla madre la volontà di difendere gli oppressi. Pur essendo un tipico romanzo di cappa e spada ottocentesco, pieno di caste passioni, acerrimi duelli e continue peripezie, "Zorro" ha continui riferimenti alla politica attuale e, grazie a una lunga serie di elementi magici, sentimentali e femminili, è un romanzo tipicamente allendiano.

RECENSIONE

Un bel romanzo che aveva tutta l'aria di un romanzetto e invece la Allende riesce a renderlo realistico e soprattutto interessante. È la storia della nascita della leggenda di Zorro, la volpe, ambientata in California dopo la conquista spagnola e la sua vita è segnata dalle visioni di violenza degli spagnoli nei confronti degli Indios, poi studia in Spagna e vede la guerra portata da Napoleone. Sono queste le cose che fanno nascere il bisogno di un giustiziere, quando la legge non è in grado di proteggere i più deboli arriva Zorro e sbaraglia tutti! Troverete storia, avventura e anche un po' di amore. Certo Zorro è molto irreale, riesce sempre in tutto, fa lo sbruffone, ma d'altronde credo non si potesse rendere più reale di così un personaggio leggenda.

[RECENSIONE A CURA DI ELLE]

Autore Isabel Allende
Editore Feltrinelli
Pagine 384
Anno edizione 2013
Edizione Collana Universale economica
Lingua Italiano
ISBN-10(13) 9788807881466
Prezzo di copertina 8,00 €
Categoria Azione - Avventura