Quest’oggi la Rubrica Letteraria del Club del Libro vi presenta in anteprima un romanzo d’avventura per ragazzi (ma adatto senza dubbio anche agli adulti che amano il genere), in uscita a Febbraio 2011: si tratta di "Vango – Tra cielo e terra" di Timothée De Fombelle (400 pag., San Paolo Edizioni).

L’autore, classe 1973, insegnante di lettere presto dedicatosi al teatro, ritorna in libreria dopo il successo di "Tobia. Un millimetro e mezzo", "Gli occhi di Elisha" e "Tu sei il mio mondo", tradotti in più di venti lingue e che gli sono valsi numerosi premi sia francesi che internazionali. Ecco un’idea dell’avvincente trama, estratta dalla scheda editoriale del romanzo:

"Parigi, 1935. Ai piedi della cattedrale di Notre-Dame, quaranta uomini distesi a terra sono in attesa di essere ordinati sacerdoti. Tra questi c’è Vango, diciannove anni, un passato avvolto nel mistero e un futuro altrettanto incerto, perché – un attimo prima che la cerimonia abbia inizio – la polizia fa il suo ingresso al sagrato della chiesa per arrestarlo.
Ma quale crimine ha commesso? Vango non lo sa e scappa arrampicandosi su per la facciata e le torri della cattedrale. La polizia però non è la sola ad interessarsi al ragazzo, c’è anche una giovane donna che segue con trepidazione la fuga, così come un uomo dall’aspetto losco che apre fuoco contro di lui. Vango, arrivato in cima alla chiesa, riesce a scappare grazie allo Graf Zeppelin del comandante Eckener, venuto a Parigi per seguire la sua ordinazione. Scampato all’arresto, il ragazzo prova a mettersi in contatto con il suo mentore, padre Jean, e scopre di essere accusato proprio dell’assassinio del sacerdote.
Chi trama alle spalle di Vango? Chi è Vango in realtà? Cresciuto nelle isole Eolie, dove era misteriosamente approdato a tre anni insieme alla sua nutrice, Mademoiselle, che lo ha amato come un figlio, proteggendolo dal suo stesso passato, le sue solo certezze sono il nome, Vango Romano, e un fazzoletto con ricamate una V dorata e la frase "Combien royaumes…nous ignorent…"
Attorno a Vango ruotano personaggi storici come Hugo Eckener, il capitano del Graf Zeppelin, e altri di fantasia come Zefiro, il monaco a capo del convento segreto dell’isola di Alicudi, o la Talpa, una ragazzina ebrea di buona famiglia che condivide con Vango il gusto per l’indipendenza e le notti all’aperto sui tetti di Parigi. Poi c’è Ethel, scozzese ricca, giovane e profondamente innamorata di lui. Per finire ci sono i nemici, terribili, spietati, uno per tutti: Stalin! Proprio lui: il dittatore sovietico in persona."

(articolo a cura di Elisa Gelsomino)

Copertina del libro "Vango - Tra cielo e terra" di Timothée De Fombelle