images/speciale-natale-nuovi-libri-per-i-piu-piccoli.jpg

Abbiamo già avuto modo, in passato, di approfondire quanto la lettura sia benefica, sin dalla nascita, per i bambini e quanto li aiuti a livello intellettivo ed emotivo. Sotto l'albero, quindi, un libro non può proprio mancare! Non solo grandi classici della letteratura per l'infanzia: nel corso di questo 2016 che sta volgendo al termine, sono stati pubblicati libri meravigliosi e pieni di stimoli per i piccoli lettori.

Mille cose di Anna Kövecses (trad. M. Piumini, Emme Edizioni) è una sorta di dizionario visuale, illustrato in maniera superba e piuttosto vintage, che introduce i temi più disparati: colori, numeri, forme, frutti, animali, mezzi di trasporto, mestieri, i momenti della giornata. Un libro passpartout, che ogni bimbo dovrebbe avere in libreria e che può essere fedele compagno della sua crescita, facendogli imparare parole sempre nuove.

Tra le uscite di quest'anno di Minibombo – un editore che è una garanzia – segnaliamo Un sasso nella strada di Ilaria Antonini, Barbara Balduzzi, Marco Scalcione e Chi c'è sotto il cappello? di Elena Galloni. Nel primo alcuni animali trovano un grande e pesante sasso... e scopriranno che non è affatto un sasso! Nel secondo ci sono tanti cappelli e, sotto ognuno, un animale che ci si mimetizza perfettamente per forma e dimensione. Minibombo, inoltre, prolunga l'esperienza di lettura oltre la lettura: a questo link troverete la sezione "Giochiamo con", con giochi e attività legate ai libri in catalogo, i vostri bambini ne saranno entusiasti! Età di lettura: da 3 anni.

I due volumi di Zazà e Leopoldo del francese Jacques Duquennoy pubblicati finora da Giochi Educativi sono Le forme e Gli opposti. Sebbene siano consigliati dai diciotto mesi, il sistema con cui questi libri sono stati progettati e realizzati, con buchi e pagine con acetato, li rende molto versatili e adatti anche a bambini in età prescolare. Un esempio? Se con un bimbo piccolo ci si concentrerà sulle forme in sé, con uno più grandicello si può invece osservare e sperimentare come, combinando le forme, si possano creare i soggetti più diversi.

Concludiamo con un albo molto divertente e che, al contempo, offre tanti spunti interessanti, Ma… in che libro siamo finiti!? (Gallucci Editore) di Richard Byrne. Ben e Bella finiscono nel libro sbagliato e il piccolo lettore ha un compito importante: aiutarli a trovare il lieto fine!

Regalare un libro a un bambino è un gesto di cura e amore, leggerlo insieme a lui e dedicare ogni giorno un quarto d'ora alla lettura lo è ancora di più.

(articolo a cura di Elisa Gelsomino)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail