E’ nei cinema il film tratto da "La versione di Barney" ed il romanzo, com’era prevedibile, si posiziona al primo posto tra i libri più venduti. Uscito il 13 gennaio e subito in seconda posizione è il libro di Nichi Vendola, seguito da Alberto Angela, Francesco Piccolo e John Grisham. In sesta, settima ed ottava posizione tre libri ben noti alle classifiche dei best-sellers degli ultimi mesi: "Io e te", "I dolori del giovane Walter" e "Il cimitero di Praga" di Eco, mentre in nona e decima "riappaiono" Augias e Pennacchi.

 

1° posto: "La versione di Barney" di Mordecai Richelr

"La vita allegramente dissipata e profondamente scorretta di Barney Panofsky, personaggio fuori misura, indifferente a tutto ciò che ottunde la vita. Una delle storie più divertenti che ci siano mai state raccontate."

2° posto: "C’è un Italia migliore" di Nichi Vendola

"Nichi Vendola è oggi il politico più discusso e amato nella sinistra italiana, è il caso del momento, ha governato per cinque anni la Regione Puglia puntando sui giovani, la cultura e l’ambiente. (…) In questo libro ci sono le idee per cercare e trovare quell’Italia migliore che in questi anni è stata sepolta dalla paura e da un governo inadeguato. Finalmente il libro di Nichi Vendola che contiene le proposte su ambiente, cultura, giovani, sanità, famiglia, giustizia."

3° posto: "Impero" di Alberto Angela

"II viaggio alla riscoperta dell'Impero inizia in Inghilterra. Anzi in Britannia, come si chiamava al tempo degli antichi romani. Il cicerone è Alberto Angela, che ci conduce per mano attraverso le terre, le persone, le abitudini di tutto il grande Impero romano: dalla Britannia verso la Gallia, dalla penisola iberica in Italia, da Mediolanum, attraverso la via Emilia, fino a Ostia e poi giù nel Sud Italia, fino all'Africa, Cartagine, Alessandria, la Grecia e l'Asia Minore. Per ogni tappa una storia, una curiosità, un pezzo di vita quotidiana molto simile al nostro mondo."

4° posto: "Momenti di trascurabile felicità" di Francesco Piccolo

"Possono esistere felicità trascurabili? E allora come chiamare quei piaceri intensi e volatili che punteggiano le nostre giornate, accendendone i minuti come fiammiferi nel buio? Per folgorazioni e racconti, staffilate e storie, Francesco Piccolo compone un suo perfido e irresistibile catalogo dell'allegria di vivere."

5° posto: "Io confesso" di John Grisham

"Quando una fredda mattina d'inverno un uomo si presenta nella sua parrocchia chiedendo urgentemente di vederlo, il reverendo Keith Schroeder non può certo immaginare che quell'incontro cambierà la sua vita per sempre. L'uomo che lo cerca si chiama TravisBoyette. Pluricondannato per reati sessuali, ora in libertà vigilata, Boyette sostiene di custodire da molti anni un terribile segreto che potrebbe scagionare Donté Drumm, un giovane di colore condannato a morte per l'omicidio di una coetanea bianca il cui corpo non è mai stato ritrovato. (…) Ma c'è un problema: non ha intenzione di rivelare ad altri questa sconvolgente verità. Riuscirà il reverendo a convincerlo a proclamare l'innocenza di Dontè e a salvargli la vita?"

6° posto: "Io e te" di Niccolò Ammanniti

"Barricato in cantina per trascorrere di nascosto da tutti la sua settimana bianca, Lorenzo, un quattordicenne introverso e un po’ nevrotico, si prepara a vivere il suo sogno solipsistico di felicità: niente conflitti, niente compagni di scuola, niente commedie e finzioni. Il mondo con le sue regole incomprensibili fuori della porta e lui stravaccato su un divano, circondato di cocacola, scatolette di tonno e romanzi horror. Sarà Olivia, che piomba all’improvviso nel bunker con la sua ruvida e cagionevole vitalità, a far varcare a Lorenzo la linea d’ombra, a fargli gettare la maschera di adolescente difficile per accettare il gioco caotico della vita là fuori."

7° posto: "I dolori del giovane Walter" di Luciana Littizzetto

"Il body scanner degli aeroporti è un problema per la privacy. Per le donne passi, più o meno le jolande si somigliano. Ma per i maschi no. Per chi c'ha un walterino sarà un disastro, dovrà stare col suo bel tappo di spumante alla vista di tutti. Solo quelli che hanno un cormorano al posto del walter faranno un figurone. Li vedremo entrare a passi lunghi e bacino in avanti chiedendo alle addette: "Che ne dici, amore, di quest'arma di distruzione di massa?""

8° posto: "Il cimitero di Praga" di Umberto Eco

"La storia si svolge lungo il XIX secolo, tra Torino, Palermo e Parigi, si muove tra servizi segreti, agenti doppi, ufficiali felloni ed ecclesiastici peccatori. Può accadere di tutto, anche che l'unico personaggio inventato di questa storia sia il più vero di tutti, e assomigli moltissimo ad altri che sono ancora tra noi."

9° posto: "I segreti del Vaticano" di Corrado Augias

Storie, luoghi, personaggi di un potere millenario.

10° posto: "Canale Mussolini" di Antonio Pennacchi

"Canale Mussolini è l'asse portante su cui si regge la bonifica delle Paludi Pontine. (…) Su questa terra nuova di zecca, bonificata dai progetti ambiziosi del Duce e punteggiata di città appena fondate, vengono fatte insediare migliaia di persone arrivate dal Nord. Tra queste migliaia di coloni ci sono i Peruzzi. A farli scendere dalle pianure padane sono il carisma e il coraggio di zio Pericle. Con lui scendono i vecchi genitori, tutti i fratelli, le nuore. (…) E Paride, il nipote prediletto, buono e giusto, ma destinato, come l'eroe di cui porta il nome, a essere causa della sfortuna che colpirà i Peruzzi e li travolgerà."

Fonti: www.lafeltrinelli.it; www.einaudi.it

(articolo a cura di Elisa Gelsomino)