images/rubrica-letteraria/joe-r-lansdale.jpg

Joe Lansdale è l'autore del nostro Libro del Mese di Ottobre 2017, il romanzo western La foresta. Scrittore prolifico, ha alle spalle oltre quaranta romanzi e centinaia di romanzi brevi, racconti e novelle. Spazia dall'horror alla fantascienza, dal noir al western, spesso mescolando i generi tra loro e condendoli con violenza, assurdo e ironia.

Joe Richard Harold Lansdale, nato il 28 ottobre 1951 nel Texas, si traferì con la famiglia a Nacogdoches, cittadina protagonista di molti dei suoi romanzi e dove tutt'oggi vive con la moglie Karen e i due figli. Da bambino praticò la box, il wrestling le arti marziali che, con il tempo, ebbe modo di approfondire sempre più, tanto da aprire una scuola sua e avere uno stile marziale riconosciuto a livello internazionale, lo Shen Chuan, il pugno dello spirito. Cresciuto divorando libri dei generi più disparati – Jack London, Mark Twain, Ray Bradbury ma anche letteratura pulp e fumetti –, a ventuno anni pubblicò il suo primo racconto. È solo dopo la pubblicazione del suo esordio, Atto d'amore (1980), che decise di dedicarsi completamente alla scrittura. Tra i romanzi più esemplificativi della sua opera, segnaliamo In fondo alla palude (2000), in cui un barbiere si troverà suo malgrado sulla pista del leggendario e temibile “Uomo-capra”, La sottile linea scura (2002), che narra la storia della famiglia Mitchell durante l'estate del 1958 tra omicidi e razzismo, e Acqua buia (2012), in cui tre ragazzi troveranno del denaro grazie a una mappa ma attireranno attenzioni indesiderate. Famosa anche la serie Hap e Leonard, che include nove romanzi e tre racconti brevi. I protagonisti sono due amici che si ritrovano a risolvere una serie di delitti: Hap, un operaio bianco che, per aver protestato anni prima contro la guerra in Vietnam, era finito in prigione, e Leonard, veterinario nero gay. Da questi libri è stata tratta l'omonima serie TV statunitense andata in onda nel 2016. Dopo gli Stati Uniti, è l'Italia il paese in cui i suoi libri sono più venduti. All'inizio Lansdale restò ai margini del mercato italiano a causa della violenza presente nelle sue opere, ma nel 1996 Daniele Brolli portò Mucho Mojo nella collana “Gli squali” per la Bompiani e così iniziò la sua ascesa anche nel Belpaese. Con uno stile tutto suo, da lui stesso definito «lo stile Lansdale», va dal gotico alla fantascienza, dalla satira alla narrativa per ragazzi, dal western al noir, condendo con uno spiccato gusto pulp e forti dosi di umorismo le sue storie. Storie di amicizia, amore e sesso, che toccando però anche tasti dolenti come le discriminazioni razziali e aspetti umani come la malvagità e la stupidità.

(articolo a cura di Katya Scarvaglieri)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail