images/rubrica-letteraria/il-metodo-catalanotti.jpg

Giugno è un mese di grandi ritorni per la nostra classifica. Dopo mesi tornano tra la Top Ten Dan Brown con Origin e E.J. Palacio con Wonder, e addirittura dopo anni, torna Philip Roth con l’ormai celebre Pastorale americana.
Sul podio resiste Joël Dicker, lo conquistano i Me contro Te e lo domina Andre Camilleri. I nuovi titoli del mese sono La lettara d’amore e Eleanoi Oliphant sta benissimo, mentre restano in classifica con posizioni variate #Ops e Divorare il cielo.

Arriva una nuova indagine per il Commissario Montalbano, che in Il metodo Catanalotti (Sellerio Editore Palermo) di Andrea Camilleri, dovrà vedersela con due omicidi apparentemente uguali. Entrambi i corpi, infatti, sono stati ritrovati col vestito buono e stesi sul letto. Lo scenario per questa nuova indagine è il teatro, di cui uno delle due vittime era molto appassionato.

Divertiti con Luì e Sofì. Il fantalibro dei Me contro Te (Mondadori Electa) è un libro per i più piccoli. I Me contro Te, o meglio, Luì e Sofì, sono una coppia di giovani Youtuber che passa i pomeriggi a sfidarsi in vari giochi e a riprendersi con una videocamera, per poi caricare tutto su Youtube. In questo fantalibro i fan dei Me contro Te scopriranno tante curiosità e potranno divertirsi fra giochi e pagine da colorare.

In La scomparsa di Stephanie Mailer (trad. V. Vega, La nave di Teseo) di Joël Dicker la comunità di Orphea è sconvolta a causa dell’omicidio del sindaco e della sua famiglia, avvenuto brutalmente in casa loro. A poca distanza dal luogo del delitto viene ritrovato il corpo di una donna. Il caso viene affidato a Jess Rosemberg e Derek Scott: due giovani promettenti. Vent’anni dopo, Rosemberg è ormai capitano di polizia e dovrà ritornare sui passi di quel vecchio omicidio dopo essere stato avvisato da una donna: Stephanie Mailer. Stephanie non farà in tempo a fornire le prove necessarie per dimostrare che l’omicidio ha avuto esito sbagliato, che non è stato risolto e che chi è stato dichiarato colpevole in realtà è innocente. La donna, infatti, sparirà subito dopo aver parlato con Rosemberg, che insieme ad un nuovo compagno dovrà scavare nel passato di Stephanie.

La lettera d’amore (trad. L. Taiuti, Giunti Editore) di Lucinda Riley, contiene un mistero da risolvere. Joanna, una giovane reporter, dopo aver conosciuto una vecchia signora di nome Rose, riceve a casa un plico contenente una lettera d’amore e un bigliettino. Ma Rose è morta e lei non può chiedere spiegazioni. Da quel momento in poi la casa di Rose verrà svuotata, come se la donna non fosse mai esistita, e quella di Joanna verrà messa sottosopra. Joanna capisce di avere fra le mani qualcosa di importante e l’unica via d’uscita è scoprire chi erano i due amanti della lettera.

#Ops (Rizzoli) di Elisa Maino è la storia di Evy, che non trascorrerà l’estate insieme ai suoi amici, a Riccione, ma dalla nonna; che abita in montagna e non ha la connessione a internet. Sarà proprio tra i boschi che Evy farà la conoscenza di Chris, lupo solitario che ama tuffarsi nel lago quando non c’è nessuno a guardare. I due ragazzi non hanno niente in comune, ad accezione della testardaggine: lo scontro è assicurato.

Acquista qualche posizione Paolo Giordano, che in Divorare il cielo (Einaudi) ci racconta una storia selvaggia ambientata in Puglia, tra ulivi da curare e mandorle da sgusciare. Ben, Tommaso e Nicola sono molto più che amici, sono fratelli non di sangue liberi e selvaggi, e Teresa li spia, li studia mentre fanno il bagno nudi in piscina. Sarà Ben, il più irrequieto, a far perdere la testa a Teresa.

Origin (trad. A. Raffo, R. Scarabelli, Mondadori) di Dan Brown, torna in classifica dopo alcuni mesi di assenza per raccontarci la vicenda che vede protagonista Edmund Kirsch, inventore, futurologo e miliardario, pronto a rivelare al mondo una scoperta in grado di rispondere a due delle grandi domande della vita: chi siamo e dove stiamo andando. Ancor prima di essere rivelata, la scoperta di Kirsch è già in pericolo, insieme a Kirsch stesso e al suo vecchio professore: Robert Langdom, ospite della serata.

Eleanoir Oliphant sta benissimo (trad. S. Beretta, Garzanti Libri) di Gail Honeyman, a detta di tutta la stampa che conta, rimarrà negli annali della storia della letteratura. Una storia in cui tutti possono riconoscersi facilmente, continuamente pronti a nasconderci in una realtà che non esiste, proprio come Eleanoir.

Dopo la scomparsa di Philip Roth avvenuta lo scorso maggio, il suo capolavoro Pastorale americana (V. Mantovani, Einaudi) edito per la prima volta nel 1997, conquista uno scalino d’onore in classifica. Un libro pieno di valori, di odio e amore verso la patria, da cui emerge il desiderio di pace e si afferma il rifiuto della falsità e dell’ipocrisia.

Ritorna in classifica anche R.J. Palacio con Wonder (trad. A Orcese, Giunti), la storia di Auggie, un bambino nato con una grave deformazione facciale. Per Auggie è arrivato il momento di affrontare la scuola superiore e i nuovi compagni di classe. Come se la caverà fuori dalle braccia familiari pronte a difenderlo e ad amarlo per quello che è?

(articolo a cura di Roberta Failla)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail