images/rubrica-letteraria/ricomincio-dai-libri-2018.jpg

Si è appena conclusa la Fiera del libro di Napoli, RICOMINCIO DAI LIBRI, che si è svolta nei giorni 5-6 e 7 ottobre nella splendida cornice del Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Appuntamento atteso dagli appassionati di libri e da tutti coloro che amano informarsi sulle novità editoriali, anche attraverso incontri con gli autori e conferenze su progetti interessanti.

La fiera nasce nel 2014 per volontà di tre associazioni attive sul territorio campano nel ramo dell'editoria e dei libri: La Bottega delle parole, Librincircolo e Arenadiana, in collaborazione con il Forum delle Associazioni e il Comune di San Giorgio a Cremano. Fin dalle prime edizioni, ha l'intento di rappresentare un'occasione d'incontro in un clima di festa, un momento di crescita culturale e di scambio tra editori, autori e associazioni operanti nel territorio campano e oltre, creando visibilità e conoscenza, entrando in contatto con il pubblico degli amanti della cultura.

L'edizione del 2018, come del resto anche le precedenti, ha registrato moltissimi visitatori. Direttore Editoriale di quest'anno è stato lo scrittore Lorenzo Marone, amatissimo dalla sua città ma assai apprezzato ovunque, come dimostrato dallo straordinario successo riscosso dai suoi lavori.

Tantissimi sono stati gli eventi: presentazioni degli editori, workshop e laboratori dedicati anche al mondo dell'infanzia previsti dalle associazioni partecipanti all'evento. La fiera è stata arricchita dalla presenza di alcuni tra i più noti e affermati scrittori, che si sono avvicendati con autori più giovani del panorama editoriale italiano. Tutti hanno presentato i loro ultimi lavori, in un clima di familiarità, accoglienza e predisposizione al confronto con il pubblico. Citiamo soltanto qualche nome: Michela Murgia, Pino Imperatore, Maurizio De Giovanni, Diego De Silva, Fabio Genovesi. Il programma è stato ricchissimo e sul sito ufficiale della fiera, è ancora consultabile.

ricomincio dai libri napoli 2018Numerosi anche gli editori che hanno partecipato, con stand espositivi e la presentazione delle proprie pubblicazioni, tutti con proposte interessanti e di altissima qualità. Anche qui l'elenco si farebbe lunghissimo e preferiamo rimandare alla relativa consultazione dal sito ufficiale della fiera, per non incorrere in un’ingiusta discriminazione che sarebbe dovuta unicamente alla curiosità e al gusto personale di chi scrive, ma non certo frutto di una scelta fatta su criteri di pregio delle linee e delle proposte editoriali presenti all'evento fieristico. Ogni stand, ogni singolo evento in programma meritava attenzione e partecipazione. Perfetta è stata anche la scelta della location, nell'ambientare una fiera del libro nel Museo Archeologico Nazionale di Napoli custode di straordinari tesori della cultura italiana e che accoglie numerosissimi visitatori provenienti da tutte le parti del mondo. Risulta evidente che sia stato il frutto di una meditata e azzeccata scelta da parte degli organizzatori, che hanno voluto trasmettere il messaggio che l'arte è cultura e la cultura è arte; che il nostro patrimonio culturale oltre a rendere l'Italia interessante e unica al mondo, deve essere la risorsa primaria e imprescindibile alla quale attingere per ogni di progetto che possa avere effetti durevoli nel tempo.

Come sempre, i libri invogliano ad approfondire, sono ali per arrivare lontano più di quanto possiamo immaginare.

(articolo a cura di Marianna De Stefano)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria de Il Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail