images/rubrica-letteraria/il-regalo-di-nina.jpg

Se siete alla ricerca di un libro per i bambini da mettere sotto l'albero, ve ne suggerisco qualcuno che potrete leggere sempre anche dopo aver riposto negli scatoloni gli addobbi di casa, perché il Natale sia per tutti un'occasione per riflettere sul significato della vita e non semplicemente un colorato pacco da scartare e riporre.

Quest'anno potrebbe essere l'occasione per parlare ai bambini di differenza tra popoli, paesi, cibi, costumi, religioni e di ricchezza, quella che nasce dallo scambio tra persone di culture diverse. Di seguito troverete i titoli di due libri per cogliere quest'opportunità.

Il primo: Il regalo di Nina, di Fuad Aziz, edito da Primavera. Consigliato per bambini dai cinque anni in su.

Il regalo di Nina è un meraviglioso albo illustrato che racconta la storia dell'amicizia fra due bambine di paesi molto lontani tra loro: Nina, che vive in un villaggio africano, dove un giorno arriva Anna, bimba europea in viaggio con la sua famiglia.

Nina non sa né leggere né scrivere, racconta del suo desiderio di studiare con la famiglia di Anna che, una volta tornata nel proprio paese, decide di aiutarla a distanza a realizzare il suo sogno.

Il libro si apre con una delicatissima dedica dell'autore: "DEDICATO A TUTTI I BAMBINI CHE COMINCIANO A LEGGERE E A COMPORRE LE LETTERE PER LA PRIMA VOLTA".

E' un libro che racconta una storia di un pensiero per un'amica lontana, ma anche di solidarietà che si sviluppa attraverso lo straordinario viaggio, splendidamente illustrato dall'autore, di una perlina rossa che dall'acconciatura dei capelli di Nina, giungerà fino ad Anna passando tra le dune del deserto, fra i prati fioriti, sui tetti delle case, fino ad attraversare il mare sulla schiena di una balena grandissima...

E' un albo che colpisce non soltanto per le grandi e coloratissime illustrazioni di Fuad Aziz che l'accurato lavoro editoriale mette in evidenza, ma anche per la storia che racconta. Nei libri di Fuad Aziz, infatti, la fiaba diviene strumento per avvicinare popoli e culture differenti.

Un libro da regalare a Natale ai bambini, per aiutarli a comprendere il valore che hanno i doni più preziosi quelli che nascono da gesti semplici ma che possono cambiare anche l'esistenza di chi li riceve.

Un libro che fa comprendere ai più piccoli la bellezza di essere nati differenti gli uni dagli altri e che donandosi possiamo dare significato al Natale, tracciando un meraviglioso filo che unisce tutti, oltrepassando le distanze.

katiziIl secondo libro che consiglio di far trovare sotto l'albero ai bambini è Katitzi, di Katarina Taikon, edizioni Iperborea, collana i Miniborei. Consigliato dai sette anni in su.

Con questa collana, la casa editrice specializzata in letteratura dei paesi scandinavi, quest'anno ha proposto tutti libri di grande qualità per i ragazzi, che attraggono anche gli adulti più attenti a educarne il gusto letterario.

Questo libro rappresenta una meravigliosa occasione per conoscere, non soltanto un'autrice del nord dell’Europa, ma attraverso lo sguardo spensierato e disarmante della sua protagonista, la piccola Katitzi, il popolo rom e per dare una spiegazione all'emarginazione in cui questo vive da sempre. Una storia autobiografica, attraverso la quale l'autrice, svedese di origini rom, racconta le discriminazioni subite durante la sua infanzia, semplicemente perché apparteneva a un'etnia diversa da quella svedese.

La piccola Katitzi vive in un Istituto per bambini senza famiglia in Svezia. Un giorno, il padre si presenta a riprenderla con sé ed è così che la giovane conoscerà il mondo dal quale proviene, fatto di meravigliosi vestiti colorati, musica, giostre, fratelli e sorelle a cui è molto mancata, ma anche tanto lavoro, pochissime comodità e una vita in cui è impossibile essere come tutti gli altri bambini svedesi. Katitzi vorrebbe trovare una spiegazione ai tanti "non possiamo" ma di fronte ad essi, la bambina riesce solo a porsi un interrogativo: che abbiamo fatto di male?

Il lettore non si troverà tuttavia di fronte ad una storia triste. Katitzi è determinata e piena di grinta e riesce a trovare sempre, dopo ogni nuova delusione, qualche nuova avventura da vivere e poi avrà sempre l'affetto incondizionato della sua grande famiglia rom.

Buone letture e buon Natale!

(articolo a cura di Marianna De Stefano)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria de Il Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail