images/rubrica-letteraria/il-nome-della-rosa-dal-4-marzo-la-serie-tv-su-rai-1.jpg

Era il 2010 quando la Community de Il Club del Libro, un po' spaventata dalla mole e probabilmente dalla fama, nominava Libro del Mese di luglio-agosto, Il nome della rosa di Umberto Eco (Alessandria, 5 gennaio 1932 - Milano, 19 febbraio 2016), il primo vincitore del Libro d'Oro de Il Club del Libro (il nostro premio al Libro del Mese più apprezzato dalla Community). L'autore, già conosciuto per i diversi saggi, si cimentava per la prima volta in un romanzo, un giallo storico ambientato nel basso medioevo, periodo storico in cui l'autore si trova molto a suo agio. U. Eco, non avrebbe immaginato che il romanzo, a suo giudizio nemmeno il migliore, nell'arco di trentanove anni sarebbe divenuto uno dei capisaldi della letteratura mondiale. Tradotto in circa quaranta lingue e con più di cinquanta milioni di copie vendute, ha collezionato un successo dopo l'altro.

Pubblicato per la prima volta da Bompiani nel 1980, otto mesi dopo vince il Premio Strega, in seguito in Francia ottiene il Prix Médicis per il miglior libro straniero e nel New York Times è inserito nelle Editor's Choice. Inoltre, Il nome della rosa, appare nella lista dei 100 libri del secolo secondo la lista Le Monde e nei 1.000 romanzi che ognuno dovrebbe leggere tratta dal quotidiano The Guardian.

Tuttavia le classifiche, i premi e le liste non sono l'unico traguardo di Eco, che anno dopo anno, continente dopo continente, ispira fumettisti, videogiochi, gruppi musicali e addirittura un gioco da tavola.
L'ispirazione più importante resta quella del regista Jean-Jaques Annaud che nel 1986 realizza per il grande schermo, il film del best seller. Una co-produzione franco-italo-tedesca, con un incasso mondiale di oltre 77 milioni di dollari. Alcuni dei protagonisti: Sean Connery nel ruolo del francescano Guglielmo e Christian Slater nel ruolo di Adso da Melk.

Nel frattempo, la Community de Il Club del Libro è cresciuta notevolmente, e Il nome della Rosa è stato proposto dagli utenti come ri-Lettura del mese di ottobre 2017, confermando che rileggere nuovamente un libro non è mai tempo sciupato. Tutt'altro! Il romanzo riceve nuovamente un'ondata di commenti positivi e ritorna tra le mani dei frequentatori più assidui del Club, che sperimentano anche l'audiolibro.

Trascorsi due anni, i lettori de Il Club del Libro così come tutti coloro che hanno amato questo libro, avranno l'opportunità di rivivere in TV, su Rai Uno, da sempre impegnata nella riproduzione televisiva di grandi storie letterarie, le scene straordinarie nate dalla mente di Umberto Eco, che dichiara di esserne stato ispirato mentre leggeva in biblioteca.
La serie italo-tedesca ideata da Giacomo Battiato, Andrea Porporati, Nigel Williams e prodotta da 11 Marzo Film, Palomar, Rai Fiction e Tele München è stata supervisionata dallo stesso Umberto Eco poco prima della scomparsa. Gli otto episodi della serie dalla durata di cinquanta minuti andranno in onda su Rai Uno da lunedì 4 marzo in prima serata.
Il cast internazionale vede protagonisti John Turturro nei panni di Guglielmo da Baskerville e Damian Hardung che interpreterà Adso da Melk.

Segnate la data sul vostro calendario. Ci vediamo sul divano lunedì prossimo!

(articolo a cura di Roberta Failla)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail