Il 27 gennaio 1945 venivano aperti dall'esercito sovietico i cancelli del lager di Auschwitz. A distanza di oltre mezzo secolo da quella data, la Shoah è un tema ancora molto seguito e dibattuto. Ormai molti dei protagonisti diretti sono scomparsi ed è per questo che, a maggior ragione, è la letteratura che può aiutare le nuove generazioni a capire e preservare la memoria. Migliaia sono i volumi scritti sull'argomento: saggi, libri storici, opere di letteratura (prime fra tutte, "Se questo è un uomo" di Primo Levi ed "Il diario di Anne Frank"), così come molte sono le novità editoriali, ogni anno, in occasione proprio della Giornata della Memoria. Ecco cinque titoli usciti da pochi giorni nelle librerie, per saperne sempre un po' di più.

  • "Per ogni pidocchio cinque bastonate" di Gianfranco Maris

Libro di memorie di un ex deportato, che fu prigioniero a Mauthausen-Gusen come detenuto politico e, oggi novantenne, ricorda come fosse ieri "le angherie, le umiliazioni, il massacrante lavoro nelle cave di pietra, il chilo di pane da dividere in ventiquattro, le cinque bastonate inflitte per ogni pidocchio scoperto dai kapò, le iniezioni al cuore e le camere a gas per eliminare chi non era più idoneo al lavoro. Ma anche le solidarietà e le amicizie nate fra i detenuti e, su tutto, insopprimibile, la speranza”.

  • "Dove era Dio? Il discorso di Auschwitz" di Benedetto XVI

E' inevitabile, pensando agli orrori dell'Olocausto, porsi questa domanda: "Dove era Dio, come ha potuto permettere che accadesse tutto ciò?" Durante una visita apostolica in Polonia, nel 2006, Benedetto XVI si è recato ad Auschwitz, tenendo un memorabile discorso, che viene riportato in questo libro insieme ai contributi di alcuni teologi.

  • "I Frank" di Mirjam Pressler

Oltre seimila documenti tra fotografie, cartoline, disegni, poesie e lettere, recuperati dalla soffitta della casa della sorella di Otto Frank, padre di Anne, ricostruiscono il ritratto della famiglia Frank, raccontato da Mirjam Pressler, già traduttrice del Diario.

  • "Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo" di Donatella Di Cesare

Questo saggio offre una riflessione politica e filosofica sul fenomeno dilagante del negazionismo, nel mondo così come in Italia. Chi sono i negazionisti, perché negano che le camere a gas siano mai esistite, qual è il loro scopo? E' provando a rispondere a queste domande che l'autrice spiega la "singolarità" di Auschwitz ma pone altresì in evidenza la minaccia che questo atteggiamento di rifiuto verso delle pagine nere della Storia dell’uomo possa, oltre che riferirsi al passato, ripetersi anche nel futuro.

  • "Hetty. Una storia vera" di Hetty Verolme

Un romanzo per i più giovani, a partire dagli 11 anni. Racconta la storia di Hetty, che a 12 anni viene internata, insieme ai suoi fratelli, nel campo di concentramento di Bergen-Belsen. Con straordinario coraggio e tenacia, Hetty diventa la "piccola mamma" dei bambini prigionieri, cercando di attraversare e far attraversare a chi ha intorno quegli anni terribili con allegria ed ottimismo.

Inoltre, sono numerosissime in tutta Italia le iniziative promosse per la Giornata della Memoria. Vi segnaliamo un utilissimo link, dove potrete trovare anche quelle della vostra città: http://www.lager.it/giorno_memoria.html

(articolo a cura di Elisa Gelsomino)