Banner
Banner
Banner
Banner

La classifica dei libri più venduti - Febbraio 2013

E-mail Stampa PDF

Una classifica, quella dei libri più venduti nel mese di febbraio 2013, ricca di novità: solamente Gramellini, infatti, resiste rispetto al mese scorso e si piazza in quinta posizione. Ma andiamo con ordine. Ai primi due posti del podio domina la suspance, con il nuovo thriller di Wilbur Smith "Vendetta di sangue" ed il giallo "Gli onori di casa" di Alicia Gimenez Bartlett - ambientato tra la Catalogna e Roma -, seguiti dall'ultimo romanzo di Clara Sanchez e dall'autobiografia di Susanna Tamaro. Un'altra autobiografia, quella di Andrea Vitali – che si racconta anche attraverso i cibi e propone un ricettario di piatti tradizionali - si piazza in sesta posizione, in settima Camilleri con "Il tuttomio", romanzo ispirato al delitto di via Puccini a Roma (1970). Chiudono questa top-ten "Limonov" di Carrère, storia dello scrittore e politico russo ("una  vita pericolosa, ambigua", come la definisce l'autore), il legal thriller di Grisham "L'ex avvocato" ed il romanzo storico "L'ultima fuggitiva" di Tracy Chevalier, autrice del celeberrimo "La ragazza con l'orecchino di perla".

1° posto: "Vendetta di sangue" di Wilbur Smith

"Hector Cross non è un eroe: è soltanto un uomo. Ma quando un uomo come Hector Cross perde tutto quello che ha, il suo dolore e la sua furia possono essere devastanti. Una mano assassina ha spezzato la vita di Hazel Bannock, la donna che amava e che stava per dargli una figlia. La neonata è sopravvissuta e ora Hector è solo, con una bambina da crescere, e un'indomabile sete di vendetta e di giustizia. È il momento di riunire la squadra di un tempo, i membri della Cross Bow Security. È il momento di tornare nella terra del nemico, che sia il deserto dell'Africa nordorientale o la City di Londra. È il momento di combattere la Bestia, il gruppo di terroristi che Hector credeva di aver sconfitto e che, invece, pare aver rialzato la coda velenosa come uno scorpione…"

2° posto: "Gli onori di casa" di Alicia Gimenez Bartlett

"L'omicidio del signor Siguán è quello che Petra Delicado chiama con fastidio un "caso freddo". Cinque anni prima, l'affermato imprenditore tessile Adolfo Siguán era stato ucciso nell'appartamentino dove celebrava il suo vizio: le giovanissime prostitute, preferibilmente prese dal marciapiede. Ai tempi, la sentenza era stata sbrigativa: rapina con morto ad opera del protettore della prostituta con la complicità di lei. Ma, adesso, quando l'ispettrice della Policía Nacional con il suo vice Fermín Garzón, riaccende con scetticismo la macchina investigativa, le basta togliere un poco di polvere dalle vecchie carte per rendersi conto di alcune incongruenze..."

3° posto: "Entra nella mia vita" di Clara Sanchez

"La piccola Veronica approfitta di un breve momento di solitudine per sfogare la curiosità di bambina spiando tra le cose dei genitori. Apre una cartella piena di documenti, intorno a lei il silenzio, e spunta una foto. Veronica la estrae con la punta delle dita, come se bruciasse. Non l'ha mai vista prima. Ritrae una bambina poco più grande di lei, con un caschetto biondo, una salopette di jeans e un pallone tra le mani. Veronica è confusa, ma il suo intuito le suggerisce che è meglio non fare domande, non adesso che la mamma è sempre triste. Anno dopo anno, Veronica si convince sempre più che le discussioni e i malumori in casa sua nascondano qualcosa di cui nessuno vuole parlare. E che l'enigma di quella foto, di quella bambina sconosciuta, c'entri in qualche modo…"

4° posto: "Ogni angelo è tremendo" di Susanna Tamaro

"Ogni angelo è tremendo è la storia di una bambina che diventa adulta. Che nasce di notte, a Trieste, mentre soffia una bora nera che spazza via ogni cosa e rende ogni equilibrio impossibile. Di una bambina che cresce in una famiglia in cui sembra sia soffiato quello stesso vento impetuoso dell'est. Di una bambina che impara presto a riconoscere i vuoti che la morte lascia, quei vuoti che somigliano tanto agli abbandoni che la stessa bambina deve subire, da parte di un padre e di una madre desiderati e imprendibili. Di una bambina che non dorme mai, e fa (e si fa) molte domande, a cui nessuno sembra voler o poter dare risposte. Ma è anche la storia della scoperta del mondo e della sua bellezza, della natura e delle sue forme. Di una bambina che si fa ragazza e si apre ai primi palpiti di amore e amicizia, ai sussulti dei poeti e degli scrittori. È la storia di una ragazza che scende a rotta di collo le scale di casa, la notte in cui il terremoto irrompe. È la storia della scoperta della grande città, Roma, e del terrorismo e, finalmente, del potere della scrittura e dei libri. Quella bambina, quella ragazza, quella donna è Susanna Tamaro, che ci consegna il suo libro più intimo e coraggioso. Una autobiografia che è anche romanzo di formazione e inno alla vita nonostante, dentro (e forse grazie a) ogni sua oscurità."

5° posto: "Fai bei sogni" di Massimo Gramellini

"Dedicato a quelli che nella vita hanno perso qualcosa. Un amore, un lavoro, un tesoro. E rifiutandosi di accettare la realtà, finiscono per smarrire se stessi. Come il protagonista di questo romanzo. (...) Massimo Gramellini ha raccolto gli slanci e le ferite di una vita priva del suo appiglio più solido. Una lotta incessante contro la solitudine, l'inadeguatezza e il senso di abbandono, raccontata con passione e delicata ironia. Il sofferto traguardo sarà la conquista dell'amore e di un'esistenza piena e autentica, che consentirà finalmente al protagonista di tenere i piedi per terra senza smettere di alzare gli occhi al cielo.”

6° posto: "Le tre minestre" di Andrea Vitali

"Le tre minestre che danno il titolo al racconto autobiografico di Andrea Vitali rappresentano, con un espediente letterario originale e spassoso, tre Ministre: dell'interno, degli Esteri e dell'Agricoltura. Sono le tre zie che hanno accompagnato gli anni della sua infanzia, preposte alla conduzione delle faccende domestiche, alla cura dell'orto di casa, all'educazione del protagonista e più particolarmente della sua educazione culinaria. (…) Il racconto di Vitali gira intorno alle qualità attribuite ai cibi nella saggezza popolare, più particolarmente alle presunte virtù terapeutiche del pane di farina bianca, destinato a curare sia i malanni del vecchio nonno, sia le galline malate del pollaio di casa. Originario del lago di Como, l'autore propone uno spaccato di vita vissuta e di costume, con ironia e in sottotraccia una delicata nostalgia. A questo autentico tuffo nel passato - siamo negli anni Cinquanta - contribuisce anche il verace ricettario di piatti della tradizione locale che completa il racconto."

7° posto: "Il tuttomio" di Andrea Camilleri

"Arianna ha trentatré anni, ed è bellissima e deliziosamente infantile. I suoi capricci irragionevoli, le sue abitudini regressive e involontariamente lolitesche sono la gioia di Giulio, che la ha sposata e che l'ama e la protegge anche da se stessa. Ogni tanto, però, Giulio è attraversato dalla consapevolezza di non sapere tutto sulla sua moglie sensualissima e bambina: "C'è qualcosa, di te, che mi nascondi", le sussurra mentre non riesce a fare a meno di viziarla. Di segreti Arianna ne ha molti, e brucianti; ma quello che custodisce più gelosamente è il "Tuttomio": un rifugio, una "tana" tutta sua, ricavata in un angolo del solaio sul modello della piccola caverna dove si rifugiava in campagna, da piccola, e in cui la sola ospite ammessa è Stefania, una grossa bambola parlante. I giochi di Arianna e Giulio si tingono presto di un'accensione sessuale sempre più pericolosa. Tanto più perché lei, come ogni bambina birichina, non ha chiaro il confine che separa il gioco dalla realtà. Ispirato alla scandalosa vicenda dei marchesi Casati, sorretto da una scrittura capace di scandagliare con potenza e ironia tutte le sfumature della passione, questo romanzo di Camilleri trascina i lettori dritti nel cuore dell'amore e della perdizione."

8° posto: "Limonov" di Emmanuel Carrère

"<<Limonov non è un personaggio inventato. Esiste davvero. Io lo conosco. È stato teppista in Ucraina; idolo dell'underground sovietico sotto Breznev; barbone, poi domestico di un miliardario a Manhattan; scrittore alla moda a Parigi; soldato perduto nelle guerre dei Balcani; e adesso, in quell'immenso bordello che è il postcomunismo in Russia, anziano capo carismatico di un partito di giovani desperados. Lui vede se stesso come un eroe, altri possono giudicarlo un farabutto: io sospendo il giudizio>>. Così l'autore presenta il suo protagonista e il modo in cui lo ha affrontato. E aggiunge: <<La sua è una vita pericolosa, ambigua: un vero romanzo di avventure>>. Carrère riesce a fare di Eduard Limonov un personaggio indimenticabile: a volte commovente, a volte ripugnante, a volte paradossalmente simpatico. Ma mai banale."

9° posto: "L'ex avvocato" di John Grisham

"Data l'importanza di quello che fanno, le polemiche che spesso li circondano, è notevole che, a oggi, solo quattro giudici federali siano stati assassinati in questo paese. Il giudice Raymond Fogletree è appena diventato il quinto. Il suo corpo è stato ritrovato nel seminterrato di una casetta sul lago che lui stesso aveva costruito e dove era solito andare durante il fine settimana. Quando il lunedì mattina non si è presentato a un processo, i suoi impiegati si sono spaventati, hanno chiamato l'FBI, e gli agenti hanno poi ritrovato il suo cadavere insieme a quello della sua giovane segretaria. Nessun segno di effrazione, nessun segno di lotta sulla scena del crimine, solo i due morti. <<Io non conoscevo il giudice Fogletree, ma so chi lo ha ucciso e perché. Sono un avvocato e ora sono in prigione. È una lunga storia.>>"

10° posto: "L'ultima fuggitiva" di Tracy Chevalier

2Due protagonisti d'eccezione: Honor Bright, giovane donna inglese, alla ricerca della propria strada lontano da casa, e Donovan, un uomo duro e pericoloso. Profondamente diversi, destinati a combattersi a causa delle proprie convinzioni, ma ugualmente legati da un sentimento irrazionale."

 

Fonti: La Feltrinelli

Commenti  

 
# Francis 2013-03-11 20:31
ma nooooo!! le ricette della Parodi non sono più in classifica!! :eek: :sigh: :cry:
 
 
# ziaBetty 2013-03-13 16:27
Citazione Francis:
ma nooooo!! le ricette della Parodi non sono più in classifica!! :eek: :sigh: :cry:


Però "Le tre minestre" mi sembra un degnissimo sostituto... un ricettario un po' più letterario, per lo meno...! ;-)
 
 
# guidocx84 2013-03-13 19:55
Citazione ziaBetty:
Citazione Francis:
ma nooooo!! le ricette della Parodi non sono più in classifica!! :eek: :sigh: :cry:


Però "Le tre minestre" mi sembra un degnissimo sostituto... un ricettario un po' più letterario, per lo meno...! ;-)

In Italia non si sbaglia... sempre di mangiare si parla! Golosi che non siamo altro! :lol: :lol: :lol: ;-)
 

Collegati o registrati per inviare un commento

You are here: Rubrica Letteraria La classifica dei libri più venduti - Febbraio 2013