Il Libro del Mese di Marzo 2013 - "Le volpi vengono di notte" - è una raccolta di racconti ambientati in svariati luoghi – città ed isole - del Mediterraneo, a firma dell'autore olandese Cees Nooteboom. Il Mediterraneo ha un fascino speciale, così come le culture ed i paesi che su di esso si affacciano, ed è un'area geografica particolarmente ricca di suggestioni: odori, colori, sapori. C'è un film di Gabriele Salvatores del 1991, che si intitola per l'appunto "Mediterraneo", la cui colonna sonora, scritta da Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani, le esprime alla perfezione...

Mediterraneo - Gabriele SalvatoresIl film ha vinto il Premio Oscar come miglior film straniero. Tra i protagonisti, Diego Abatantuono, Ugo Conti e Claudio Bisio. Ambientato nel 1941 su una piccola e sperduta isola greca fatta di paesaggi incontaminati, mare cristallino e cieli azzurri, il film racconta di un gruppo di militari italiani incaricati di presidiare l'isola dopo l'abbandono da parte delle truppe naziste. In verità, gli otto uomini smetteranno presto i panni di soldati e si inseriranno nella vita dell'isola. Dopo tre anni, scoprono per caso dell'armistizio e vengono rimpatriati; per alcuni, però, il fascino ed il richiamo del Mediterraneo è troppo forte...
Il viaggio itinerante che promette il Libro del Mese di Marzo ben si abbina, inoltre, alla cosiddetta "poetica della fuga" che Salvatores ha ripreso in tre pellicole ("Marrakech Express", "Turné" e, appunto, "Mediterraneo"): fuga come "unico mezzo per mantenersi vivi e continuare a sognare", riprendendo la citazione di Henri Laborit che accompagna questo film.
Spesso è difficile immaginare un film senza la sua colonna sonora, soprattutto se è stata scritta ad hoc. "Mediterraneo" non fa eccezione, con le sue bellissime musiche scritte da Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani, i quali hanno lavorato insieme per moltissimi anni ed hanno visto in questa collaborazione l'apice della loro carriera.
Bigazzi è un nome che ai più non dirà niente, eppure è un artista che ha scritto pagine importantissime ed indimenticabili della storia della musica leggera italiana ("Rose rosse", "Lisa dagli occhi blu", "Montagne verdi", "Gloria", "Gli uomini non cambiano", "T'innamorerai", "Si può dare di più", solo per citarne alcune), oltre ad aver collaborato, soprattutto dalla fine degli anni Ottanta, con tv e cinema ("Mery per sempre").
Nella colonna sonora di "Mediterraneo" vi sono pochi temi, semplici e ricorrenti, ma estremamente efficaci grazie all'utilizzo di strumenti tipici dell'area mediterranea come il mandolino, la chitarra ed il flauto, che creano un'atmosfera altamente evocativa. Giancarlo BigazziLa Grecia, il Mediterraneo, il mare, la nostalgia, sono resi perfettamente già solo ascoltando queste musiche. Musiche che, se accompagnate anche alla visione della pellicola, sottolineano ancor più e caricano di una forte energia le immagini e le sensazioni delle vicende raccontate. D'altronde, come scrive Ennio Morricone, uno tra i più grandi compositori di musiche da film: <<La musica da film deve avere un effetto drammaturgico. [...] Deve anche essere buona musica in assoluto, ma deve anche favorire la narrazione, essere funzionale al racconto. [...] La musica deve essere capace di suggerire quello che i personaggi nei dialoghi non dicono>>.In questo senso, è prevedibile come il compositore non disponga di grande libertà nello scrivere le musiche per un film. È il regista il vero "padrone" del film, a 360 gradi, ed il musicista è al suo servizio, nel comprendere le sue desiderata ed applicarle nel miglior modo possibile. È il regista che indica al compositore dove vuole l'intervento musicale e cosa lo stesso debba esprimere (emozioni, atmosfere, ecc.). Salvo rarissime eccezioni, è la musica che si deve "integrare nel disegno formale del film". È un lavoro certamente complesso e  di importanza strategica, soprattutto se si pensa che in una pellicola vi sono dai venti ai sessanta minuti di musica, e che questa deve essere concepita "in funzione del tempo e dello spazio cinematografico".
Proprio perché film e musica da film sono quasi inscindibili, vi propongo alcuni brani tratti dalla colonna sonora di "Mediterraneo", ma vi invito a guardare il film per gustarvela al meglio!

 

 

(articolo a cura di Sergio Gelsomino)

Fonti:

Ennio Morricone, "Un compositore dietro la macchina da presa" in Enciclopedia della Musica, Einaudi, 2006

Elvidio Surian, Manuale di Storia della Musica, volume IV, Rugginenti, 2010

Sitografia: MyMovies, Wikipedia

 

www.wikipedia.it

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail