Un evento dedicato ai libri si fa strada nel panorama italiano: parliamo del festival “Una marina di libri”, che si è tenuto dal 7 al 9 giugno a Palermo, riscuotendo un grande successo. Workshop, dibattiti serali, incontri speciali legati al mondo dell'infanzia, una tavola rotonda sul Premio Italo Calvino e molto altro ancora hanno, infatti, attirato oltre 15.000 visitatori da tutta Italia.

Marina di libri"Una marina di libri" ha saputo affermarsi nel corso degli anni, ottenendo un aumento esponenziale di partecipanti e l'inserimento tra i dieci migliori festival emergenti di Italia dal Festival of Festivals, prestigioso congresso di operatori dei principali eventi culturali italiani.
Nato dall'editoria indipendente e dall'intuizione del CCN "Piazza Marina e dintorni", prodotto in collaborazione con Navarra Editore, il festival per questa sua quarta edizione - tenutasi, eccezionalmente, in piazza San Domenico anziché nella storica cornice di Palazzo Steri - ha vantato la presenza di quarantacinque case editrici (tra cui Sellerio, da quest'anno partner della manifestazione) ed ha ampliato ancora di più la sua offerta. Più di cento sono stati gli eventi esclusivi, tutti con ingresso gratuito.
La parola d'ordine è stata la trasversalità. Accanto alle tradizionali presentazioni, reading ed anteprime con rinomati autori, particolare risalto è stato dato alle attività per e con i bambini, con specifici incontri dedicati a Gianni Rodari, al Premio Andersen e a Nati per Leggere; ad incontri professionali in campo editoriale; ai laboratori "Immagini, parole, fotografie: tra letteratura e visualità", "Scritture collettive: la narrativa si fa in quattro, otto... duecentotrenta mani" ed uno dedicato al giornalismo culturale, con nomi di spicco tra cui Luca Mastrantonio del "Corriere della Sera", Piero Melati de "Il Venerdì di Repubblica" e Daniele Balicco di "Alias - Il Manifesto". Ma non solo: la letteratura, infatti, si è fatta contaminare dal cinema, dall'impegno civile, dal cibo, dalla Sicilia stessa che ha ospitato questo festival esplosivo. Last but non least, una serata musica e poesia dedicata ad Alda Merini ed un incontro dedicato al Premio Italo Calvino, il più importante premio letterario per autori esordienti.
Una kermesse che si rivolge non solo ai lettori, ma anche a chi potrebbe diventarlo, realizzata <<per Palermo, con le energie della città>>, ma che ha visto tantissimi accorrere da tutta Italia.
Un ottimo esempio di come, soprattutto in tempi di crisi, anche un salone low cost - come ama definirlo Ottavio Navarra - possa lavorare sulla cultura e farlo bene, anzi sempre meglio.

(articolo a cura di Katya Scarvaglieri)

Fonti: http://unamarinadilibri.altervista.org/blog/

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail