images/la-societa-letteraria-di-sella-di-lepre-un-intrigo-made-in-finlandia.jpg

È approdato nelle librerie italiane da poco più di tre mesi e sta facendo parlare molto bene di sé il finlandese Pasi Ilmari Jääskeläinen, che incanta con un romanzo dalle atmosfere gotiche e surreali, circondate dal mondo della letteratura e della scrittura. Mixando tutti questi elementi, l'autore ci regala una storia, La società letteraria di Sella di Lepre (Salani), che trascina il lettore dentro al mistero, fino all'ultima parola.

Nel romanzo ci sono diversi protagonisti, tutti ugualmente importanti: l'arte della scrittura, Ella Milana, Laura Lumikko e la Società letteraria di Sella di Lepre.

La prima, sulla quale si potrebbero spendere numerose parole, la fa da padrona in ogni riga, in ogni pagina e, anche quando non viene citata esplicitamente, è comunque presente.

La seconda, Ella Milana, giovane donna con labbra stupende e un difetto all'apparato riproduttore, si trova ad un certo punto della sua carriera da professoressa a chiedersi se davvero il lavoro come insegnante di italiano rappresenti il suo futuro e se "sarà costretta a correggere temi per tutta la vita". E proprio quando il padre si ammala gravemente, Ella scopre di essere stata selezionata per entrare a fare parte della prestigiosa Società letteraria del suo paese (Sella di Lepre è infatti il nome fittizio del paesino nel quale la storia è ambientata).

La terza infine, Laura Lumikko, talentuosa scrittrice di romanzi per bambini, diventata famosa in tutto il mondo per i suoi personaggi dai nomi bizzarri (Bobo Rics/Racs, Strano Animaletto, La Madre Bianca) e fondatrice della Società letteraria, della quale sceglie i membri secondo rigidi criteri.

Tutto si complica per Ella quando viene ammessa a questo gruppo ristretto, poiché Laura scompare nel nulla, davanti agli occhi di tutti.

Misteri che si intrecciano, regole del Gioco crudeli e spietate con cui poter estirpare i segreti della Società stessa e dei suoi membri, storie per bambini che possono sembrare tali ma che, sotto sotto, nascondono ben altri significati.

Lo scrittore finlandese è riuscito a fondere insieme più stili, più meccanismi narrativi, facendo scivolare il lettore nel mondo di Sella di Lepre come se esistesse davvero. Dalla sua, un ritmo incalzante che non fa staccare gli occhi dalle pagine (attenzione alle fermate dei pullman, rischierete di perderle!) e porta il proprio inconscio a non essere troppo interessato alla risoluzione dell'enigma, ma piuttosto a non saziarsi mai di questi personaggi e dei loro ricordi, che "colano" tramite il Gioco e rivelano dettagli delle loro vite.

Acquista "La società letteraria di Sella di Lepre" su ibs.it

(articolo a cura di Rebecca Cauda)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail