images/rubrica-letteraria/dentro-il-libro-alexandre-desplat.jpg

Il racconto dei racconti, Libro del Mese di Settembre 2016, è stato un classico della letteratura italiana a lungo dimenticato, ritornato sugli scaffali delle librerie negli ultimi anni soprattutto grazie al film realizzato nel 2015 da Matteo Garrone, ispirato a tre dei racconti di cui l'opera si compone, impreziosito dalle musiche del compositore Alexandre Desplat.

Alexandre Desplat è un compositore francese pluripremiato, nato a Parigi nel 1961. Subito appassionato di musica e sperimentazione musicale, inizia a studiare pianoforte all'età di soli cinque anni, affiancando poi col tempo a questo strumento l'apprendimento della tromba e del flauto. Appassionato di composizione, inizia a scrivere i suoi primi brani da giovanissimo, avvicinandosi sempre di più al mondo del cinema e della composizione musicale di soundtraks per film.

Le sue prime produzioni arrivarono sin dagli anni Ottanta ed il suo nome cominciò ad essere segnalato in molte pellicole del cinema francese, tanto che in seguito fu notato dai produttori statunitensi e gli fu data l'opportunità di tentare la strada di Hollywood, che egli percorse senza fatica fino al successo. Il suo primo lavoro in questo senso fu la soundtrack della commedia britannica Sweet Revenges, diretta da Malcolm Mowbray nel 1998 e giunta in Italia con il titolo Amori e vendette.

Anche se questo film non ottenne un grande consenso di pubblico, né apprezzamenti da parte della critica, il lavoro di Desplat come compositore viene apprezzato e gli è subito affidato un nuovo lavoro, il secondo ad Hollywood. Nel 2000 le sue musiche accompagnano il film La partita – La difesa di Luzin, diretto da Marleen Gorris ed incentrato sull'omonimo romanzo di Vladimir Nabokov. Questa volta il film riscuote un grande successo di pubblico e di critica ed il lavoro di Desplat ottiene finalmente la visibilità di massa tanto attesa.

A questo punto giunge l'ingaggio che segnerà per sempre la carriera del compositore francese: il regista Peter Webber gli chiede infatti di partecipare al suo nuovo film, La ragazza con l'orecchino di perla, ispirato al romanzo omonimo di Tracy Chevalier ed uscito nelle sale nel 2003. Il lavoro di Desplat per questo film lo consacra nell'olimpo delle celebrità di Hollywood e da questo punto in avanti la sua carriera sarà costellata di successi e riconoscimenti. Per citare solo alcuni dei film a cui ha collaborato, si devono ricordare: The Queen – La regina, del 2006 incentrato sulla vita di Elisabetta II Windsor interpretata da Helen Mirren con tanto di premio Oscar come migliore attrice protagonista; Il curioso caso di Benjamin Button, film del 2008 in cui hanno recitato attori del calibro di Brad Pitt e Cate Blanchett e che ha ottenuto ben tredici nomination agli Oscar, aggiudicandosi tre statuette; New Moon (2009), secondo capitolo della celebre saga fantasy Twilight che ha avuto un enorme successo di pubblico sia al cinema che in libreria, grazie ai romanzi di Stephenie Meyer su cui la saga è basata; Il discorso del re, film di Tom Hooper del 2010 che racconta la difficile vicenda personale del re britannico Giorgio VI (padre dell'attuale regina del Regno Unito), interpretato da Colin Firth; Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 1 (2010) e Parte 2 (2011), capitoli conclusivi della celebre saga Harry Potter basata sui romanzi di J. K. Rowling; The Tree of Life, film di Terrence Malik del 2011 con nomi quali Sean Penn e Brad Pitt; Argo, film del 2012 diretto ed interpretato da Ben Affleck;

Nel 2012 Desplat collabora per la prima volta con il regista italiano Matteo Garrone per il film Reality. Nel frattempo il compositore si occupa anche della colonna sonora di Grand Budapest Hotel, film del 2014 di Wes Andreson ispirato alle opere letterarie di Stefan Zweig, scrittore austriaco vissuto a cavallo tra il XIX e il XX secolo. Con questo lavoro Desplat si assicura il posto d'onore tra le celebrità del cinema internazionale, conquistando, dopo tante nomination, il Premio Oscar per la miglior colonna sonora. La collaborazione con Garrone, comunque, non si interrompe ed infatti nel 2015 lavora di nuovo con lui, producendo le musiche per Il racconto dei racconti, nomination al Premio David Donatello per il compositore e film di grande risonanza anche fuori dai confini dell'Italia.

(articolo a cura di Francesco Isidoro Gioia)

Se vuoi collaborare con la Rubrica Letteraria del Club del Libro, segnalarci iniziative interessanti o semplicemente comunicare con noi, scrivici a:

Mail