Questa classifica dei libri più venduti nel mese di Settembre ha al vertice due libri di cui sono da poco uscite le relative trasposizioni cinematografiche; la Kinsella, regina indiscussa delle vendite sino a metà mese, slitta al terzo posto; resiste il “trittico” Accabadora-Acciaio-Canale Mussolini.

 

1° posto: "La solitudine dei numeri primi" di Paolo Giordano

Il noto romanzo di Paolo Giordano, da qualche mese uscito in edizione economica, racconta delle vite parallele di Alice e Mattia, attraverso le vicende dolorose  che dalla loro infanzia li conducono all'età adulta.

2° posto: "Mangia, prega, ama" di Elizabeth Gilbert

In questo diario-confessione, l'autrice narra della sua coraggiosa scelta, ad un certo punto della sua vita, di mollare tutto e partire alla ricerca di se stessa, passando per Italia (dove si dedica al piacere culinario), India (dove si ritira in meditazione) e Indonesia (dove trova l'equilibro e l'amore)...

3° posto: "I love minishopping" di Sophie Kinsella

Il nuovo esilarante romanzo di Sophie Kinsella, non appena uscito, ad Agosto, è stato un successo di vendite. Cosa succede quando una “shopping-addicted” ha una figlia, duenne, che lo è già altrettanto?

4° posto: "I segreti del Vaticano" di Corrado  Augias

Per questo interessante saggio, basta indicarne il sottotitolo: Storie, luoghi, personaggi di un potere millenario. Assolutamente da leggere.

5° posto: "Le valchirie" di Paulo Coelho

Una delle novità di Settembre, racconta del viaggio di uno scrittore di nome Paulo (protagonista autobiografico del romanzo) alla ricerca di se stesso e del suo angelo custode: romanzo spirituale ed intenso.

6° posto: "Accabadora" di Michela Murgia

La vincitrice del Premio Campiello con questo romanzo meraviglioso, successo di pubblico e critica, attraverso la storia di Maria e dell'anziana Bonaria ci fa entrare nei valori e nella vita della Sardegna degli anni Cinquanta.

7° posto: "Acciaio" di Silvia Avallone

Secondo al Premio Strega, super lanciato dalla Rizzoli, il romanzo di esordio della Avallone non ha però entusiasmato proprio tutti. Protagoniste due quattordicenni, Anna e Francesca, la loro amicizia e le loro vite difficili, con da un lato la periferia in cui abitano, i genitori assenti, gli incontri sbagliati e dall'altro la speranza di un futuro migliore.

8° posto: "Canale Mussolini" di Antonio Pennacchi

Vincitore del Premio Strega, Pennacchi in questo romanzo presenta la famiglia Peruzzi, che dal nord emigra nell'Agro Pontino nelle zone bonificate dal Duce, per coltivare i campi e costruirsi una nuova vita. I pareri sono discordanti: c'è chi lo definisce un po' troppo complicato, con un po' troppi flashback e digressioni e chi invece lo trova scorrevole ed interessante. Fatto sta che pare stia vendendo meno del previsto...

9° posto: "Un giorno" di David Nicholls

Emma e Dexter, la sera prima di laurearsi, finiscono a letto insieme. Il giorno successivo si separano ed ognuno inizia la sua nuova vita. Sono passati vent'anni e loro sono molto cambiati da allora, ma in tutto questo tempo ogni anno, per un giorno (il giorno in cui si sono divisi), i due sono di nuovo insieme. Questo romanzo, vero fenomeno letterario, diventerà presto un film con Anne Hathaway.

10° posto: "L'ultima riga delle favole" di Massimo Gramellini

Un giovane professore, Tomàs, con scarsa autostima e poco incline alle responsabilità, attraverso un viaggio simbolico, imparerà a dare uno sguardo diverso al suo passato e scoprirà il significato del dolore e dell'amore. Il Gramellini-giornalista ha una verve ed un'arguzia impareggiabili, peccato il Gramellini-scrittore abbia avuto invece giudizi “tiepidi”...

(articolo a cura di Elisa Gelsomino)