Venerdì, 24 Novembre 2017

Rubrica letteraria | Parole & Musica

Nel Libro del Mese di Maggio 2017, Le braci, il concetto di patria è estremamente importante. Il generale ricorda la sofferenza di sua madre per l'abbandono della Francia natia; il galiziano Konrad soffre ugualmente per la lontananza dalla terra dei suoi antenati, la Polonia, che però porta con sè grazie ad un pianoforte nella grande musica classica di Chopin, che come lui soffriva la lontananza dall'amata patria.

Leggere Ray Bradbury, autore del Libro del Mese di Febbraio 2017, Fahrenheit 451 significa leggere un romanzo fantascientifico appartenente al filone fantascienza distopica. Vuol dire pensare immediatamente allo Spazio e a cosa ci nasconde. Quando ci chiediamo se ci sia vita su Marte, ci facciamo solo una delle tante domande che potremmo ipotizzare. Un'altra potrebbe essere: c'è musica nell'Universo?

Il Libro del Mese di Gennaio 2017 L'arte della gioia apre uno squarcio sulla fede e sulla speranza in una vita migliore, che la protagonista si guadagna grazie alla sua incredibile forza interiore. La speranza nella gioia come completamento della vita di ogni cittadino è alla base di qualsiasi politica basata sull'inclusione e il rispetto dei diritti. Proprio a testimonianza di ciò l'Unione Europea ha scelto come inno per la sua bandiera un canto che parla di speranza e serenità, un vero e proprio Inno alla gioia.

Canto di Natale, Libro del Mese di Dicembre 2016, è un titolo che rimanda subito a due caratteristiche essenziali del periodo delle festività natalizie: il canto corale e l'idea di pace e unità. La prima contiene in se stessa la seconda: il canto corale è unità perché nasce dall'unione di diverse voci e dall'intreccio di più melodie insieme. Grazie alle nuove tecnologie, da qualche anno è stato realizzato un progetto che esprime a livello mondiale questa commistione tra canto e pace: il Virtual Choir.

Il fantasma dell'Opera, Libro del Mese di Novembre 2016, ha ispirato numerose versioni cinematografiche e l'ultima del 2004, sulle melodie del musical omonimo degli anni Ottanta, è solo la più celebre. In un'interpretazione precedente, realizzata nel 1943 in classico stile hollywoodiano, al Teatro dell'Opera di Parigi si metteva in scena un'opera quasi del tutto sconosciuta e sicuramente ben poco rappresentata, dalle melodie dolci e complesse penalizzate dalla dura critica al classismo sociale dell'Ottocento: la Martha, di Friederich von Flotow.

Nick Hornby è l'autore del Libro del Mese di Ottobre 2016 Come diventare buoni. I suoi titoli sono tutti molto celebri ed alcuni sono dei veri e propri best-seller riadattati per il cinema a volte con la supervisione dello stesso autore. Anche l'Italia si è cimentata con la realizzazione di un film tratto da un romanzo campione di vendita di Hornby e le musiche realizzate per questo lavoro sono tutte italiane e portano la firma di Brunori Sas.

Il racconto dei racconti, Libro del Mese di Settembre 2016, è stato un classico della letteratura italiana a lungo dimenticato, ritornato sugli scaffali delle librerie negli ultimi anni soprattutto grazie al film realizzato nel 2015 da Matteo Garrone, ispirato a tre dei racconti di cui l'opera si compone, impreziosito dalle musiche del compositore Alexandre Desplat.

Per parlare della corruzione morale dei protagonisti del Libro del Mese di Aprile 2016 Tenera è la notte, Fitzgerald porta subito il lettore su un piano etico difficile, facendo cominciare la storia dalle manie di persecuzione di cui la giovane protagonista Nicole soffre in conseguenza dei rapporti incestuosi avuti con il proprio padre. Il tema dell'incesto è quasi un tabù per la letteratura, per il suo forte valore negativo, ma il mondo classico ne ha prodotto comunque un esempio indelebile nella figura di Semiramide, resa celebre da poeti, pittori e compositori musicali. In quest'ultimo campo il punto più alto si è raggiunto con l'opera omonima composta da Gioacchino Rossini nel XIX secolo, in cui però l'incesto alla fine viene evitato.

Il corpo umano di Paolo Giordano, Libro del Mese di Novembre 2015, racconta le vicende dei soldati italiani impegnati in Afghanistan durante la guerra contro il fondamentalismo talebano. Anche la guerra, seppur biasimevole, è stata d'ispirazione per la nascita di canti e musiche che oggi sono diventati celebri e che vengono ancora eseguiti. Per restare in Italia, si possono citare tre esempi interessanti e particolari per la loro storia.

Esistono alcuni brani musicali, colonne sonore di film horror, resi celebri da pellicole che li hanno immortalati nella storia facendoli conoscere anche ai non appassionati del genere. Tra tutte, una delle colonne sonore che ha raggiunto gli apici della fama è sicuramente stata quella del film Lo squalo, uscito nelle sale nel 1975. I Racconti del terrore di E. A. Poe, Libro del Mese di Ottobre 2015, aprono dunque una finestra su un compositore contemporaneo tra i più celebri nel campo cinematografico: John Williams.

La letteratura inglese del XIX secolo è ancora molto amata ed apprezzata nonostante gli anni di distanza comincino a diventare numerosi. Così come La fiera della vanità di W. M. Thackeray, Libro del Mese di Agosto 2015, ha ispirato numerosi lavori cinematografici e letterari successivi, anche la poesia dell'epoca risuona ancora viva nell'interesse non soltanto del popolo britannico. Un esempio in particolare ha recentemente legato la poesia vittoriana con la musica contemporanea, facendo rivivere nell'ultimo film ispirato al romanzo di Thackeray (Vanity Fair, 2004) la poesia Now sleeps the crimson petal di Alfred Tennyson, tra i più celebri letterati inglesi dell'Ottocento.

Scegliere significa conoscere. Questo il messaggio principale con cui il compositore di colonne sonore e musicista Nicola Piovani si racconta in questo manoscritto, dove si intrecciano note, parole, ricordi, vecchi personaggi che si nascondono ancora oggi nelle sue composizioni e tanta, tanta musica, appartenente ai più disparati generi. Un vademecum sulla vita (e non solo) di un artista che riesce a scrivere colonne sonore di film grandiosi, ma anche di fiction e piccole sigle per programmi televisivi, sempre con lo stesso delicato tocco che lo contraddistingue.

Il Libro del Mese di luglio, "L'insostenibile leggerezza dell'essere" di Milan Kundera, ci ha condotti in un passato non troppo remoto, durante il periodo della cosiddetta Primavera di Praga, una fase di riforme e crescita dell'ex Cecoslovacchia però, bruscamente interrotta dall'invasione militare sovietica. La violenza russa suscitò grande interesse in letteratura, nell'arte e nella musica. In Italia, il celebre cantautore Francesco Guccini scrisse una canzone significativa, poi rielaborata insieme al gruppo musicale I Nomadi.

Il Piccolo atlante celeste, Libro del Mese di giugno 2015, approfondisce da un punto di vista letterario l'argomento dell'astronomia. Parlare di musica in relazione all'astronomia riconduce subito a quando queste due discipline venivano insegnate insieme a scuola in quanto entrambe figlie della matematica. Si tratta del fiorente periodo medievale, quando furono gettate le basi per la nascita dei percorsi di studio così come li conosciamo, ed affrontiamo oggi.

Il Dottor Hannibal Lecter: un uomo dotato di una profonda cultura, di un gusto estetico profondo e della capacità di uccidere in modo freddo e distaccato, senza far aumentare il suo battito cardiaco. Hannibal di Thomas Harris è un romanzo che presenta qualità nascoste: molte scene sono accompagnate da musiche di sottofondo, magari anche solo citate tra le righe, ma sempre presenti. Musica classica, che segue il gusto raffinato del protagonista, suonata ed eseguita nelle sue svariate forme. Tanto da diventare un tutt'uno con il dottor Hannibal Lecter.

Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve, Libro del Mese di maggio 2015, ci ha portato in giro attraverso i tormentati decenni del XX secolo per conoscere gli attori principali della storia che ha caratterizzato il nostro passato più prossimo. Le vicende storiche narrate da Jonas Jonasson si concentrano sulla corsa agli armamenti e la Guerra Fredda, quindi lo scontro tra Unione Sovietica e Stati Uniti d'America.  Dal punto di vista musicale, l'espressione più significativa di uno Stato è sicuramente il suo inno nazionale e soprattutto quello sovietico è molto influenzato dagli eventi del Novecento.

Quando si parla di distopia ci riferiamo ad una realtà distorta, utopica al contrario, perché detestabile anziché desiderabile. La letteratura offre molti esempi di realtà distopiche come quella descritta da George Orwell in 1984, Libro del Mese di Aprile 2015. Anche il cinema ne dà numerose dimostrazioni, i registi hanno infatti avuto l'opportunità di utilizzare musica contemporanea scritta appositamente per i loro film o risultata idonea a descrivere la distorsione del reale in un mondo negativo, sbagliato, da cui fuggire. Un maestro in questo senso è stato Stanley Kubrick, che si è servito delle musiche di Gyorgy Ligeti per alcuni dei suoi più celebri capolavori.

Ultimi commenti

STATISTICHE

Utenti
2652
Articoli
1304
Visite agli articoli
1274954

Iscriviti alla newsletter

Email non valida
Campo obbligatorio
Campo obbligatorio
Accetta questo campo prima di proseguire
Invalid Input

Questo sito utilizza cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento e migliorare l'esperienza utente. Sono anche utilizzati cookie di profilazione e di terze parti. Continuando la navigazione si accetta l'utilizzo dei cookie.