SINOSSI

Anno del Signore 1045. Due fratelli, Roberto e Ruggero, lasciano la cittadina di Hauteville, nella regione francese che proprio allora inizia a essere chiamata Normandia, alla volta dell'Italia del Sud. Con loro hanno una spada, un cavallo e una smisurata ambizione. Il nostro meridione, allora caotico terreno di scontro tra arabi, longobardi, svevi e bizantini, sarà per entrambi banco di prova e occasione unica per misurare il loro coraggio. Roberto attraverso una scaltrezza luciferina che diverrà leggendaria, Ruggero tramite una forza fisica eccezionale e una fede incrollabile che travalica il misticismo, vinceranno i loro nemici, diverranno condottieri potenti e temuti, muoveranno eserciti e conquisteranno un trono. Trovandosi anche a fronteggiarsi l'un l'altro, per brama di dominio e per amore di una stessa donna. Perché, se è vero che due leoni possono cacciare insieme, uno solo può comandare il branco. Questo romanzo narra – in prima persona, attraverso le memorie di Ruggero - l'epopea degli Altavilla in Italia, una storia assai poco conosciuta e ancor meno rappresentata in opere di fiction. Pochi, ad esempio, sanno che Ruggero sbarcò in Sicilia, la prima volta, con circa mille guerrieri, un numero che evidentemente ha sempre portato bene ai conquistatori dell'isola. O ancora: Ruggero rifiutò l'alleanza della repubblica marinara di Pisa, dando origine a una catena di eventi che alla fine determinò il pendere della famosa Torre (aneddoto del tutto sconosciuto ancorché storico!). I due leoni è anche un omaggio alle gesta e alla grandezza di due figure storiche grazie alle quali, è doveroso ricordarlo soprattutto di questi tempi, la Sicilia e forse l’Italia tutta ha evitato di diventare una nazione islamica.

AUTORE

Francesco Grasso è nato a Messina il 27 agosto 1966. Ingegnere Elettronico, vive e lavora a Roma. E’ sposato e ha due figli. Scrive narrativa da molti anni. Ha pubblicato i romanzi Ai due lati del muro e 2038: la rivolta con Mondadori, Il baratto con l’editrice Perseo, Enea con Stampa Alternativa, Il re bianco del Madagascar e La moglie di Dio con Ensemble, Come un brivido nel mare con Nemo Editrice, Il matematico che sfidò Roma con 0111 Edizioni e l'antologia Diffidate degli originali con Delos Books. Ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il Premio Urania (2 volte), il Premio Cristalli Sognanti, il Premio Cuore di Tenebra, il Premio Città di Ciampino, il Premio I Libri di Morfeo, il Premio Sirmione Lugana. Ha scritto anche sceneggiature per il cinema, una delle quali è giunta in finale al Premio Solinas.