SINOSSI

Poesie che parlano del tempo di un uomo. Concepite come finestre attraverso le quali guardare la vita oltre la patina di un percorso ormai concluso, hanno preso la foggia di vasi contenenti distillati delle vicende del proprio vissuto. La Corazza di Ettore è la metafora potente che coglie l'essere umano nell'attimo della consapevolezza, quello in cui con vigore si riappropria di se stesso: quell'io più autentico troppe volte dimenticato o rinnegato, corazza di cuoio che avvolge e non isola, protegge e trasuda. Le parole diventano viaggio e il viaggio si dipana in momenti focali: il confronto schietto con se stesso, il confronto senza filtri con l'amore e il confronto senza sconti con l’indifferenza corale.

AUTORE

Lucano di sangue, pugliese di sole. Curioso del mondo, studioso dell'uomo e fisiologicamente legato all'arte. Si traccia così la forma mistilinea del viaggio e della formazione di Guido Lopardo. Approdato a Milano per motivi professionali, lavora nel mondo della comunicazione, dell'organizzazione di eventi e dell'insegnamento. Dalla passione per la parola scritta e recitata è nata anche la sua prima raccolta di poesie La corazza di Ettore, impronte su carta per condividere le impressioni sulla vita e sulla sua vita.