SINOSSI

E se fosse possibile condizionare il comportamento delle donne? Ci hanno provato negli Anni 60 i pubblicitari statunitensi con le ricerche motivazionali e i messaggi subliminali: senza successo. Ci provano da sempre i servizi segreti di tutto il mondo: se con successo – purtroppo – non lo sapremo mai o lo sapremo quando sarà troppo tardi. Il giallo Il diavolo allo specchio inizia con fenomeni avvenuti a Lucca e Viareggio, dove qualcuno ha condizionato il comportamento delle donne, nascondendosi dietro il calendario del diavolo e i simboli delle sette sataniche per depistare le indagini degli inquirenti; fenomeni che il magistrato, dopo mesi di indagini a vuoto, archivia come 'atti osceni e offesa al pudore'. Altri, però, non si fermano. Il commissario Mancini della Questura di Lucca sospetta di Burlamacchi, un finanziere che non trascura gli affari, ma soprattutto odia il Vaticano; indaga anche l'agente Russo della NSA, perché sa che gli amici europei di Burlamacchi finanziano ricerche sul condizionamento; ha paura monsignor Cristoforo della Congregazione della fede del Vaticano, perché la satira finanziata da Burlamacchi corrode la fede nelle sue manifestazioni quotidiane. Tutti si pongono la stessa domanda: chi C'é dietro il condizionamento delle donne? mancano le prove per aprire un'inchiesta ufficiale, ma le intuizioni del commissario Mancini e le paure di monsignor Cristoforo spingono a scavare nei segreti di Burlamacchi.

AUTORE

Lorenzo Tocchini attualmente vive a Novara. Ha vissuto e lavorato prima a Firenze poi Milano occupandosi sempre della "persuasione": in particolare delle ricerche motivazionali, che già negli anni 60 e 70 allarmavano docenti, sacerdoti e politici per i messaggi subliminali e il possibile condizionamento mentale. Dal 2000 al 2016 ha vissuto in Francia alternando le buone con le cattive letture. Rientrato in Italia ha scritto un thriller “Il diavolo allo specchio” sul condizionamento mentale e i persuasori: non solo quelli laici.