Oltre 30mila visualizzazioni su Facebook nel giro di poche ore per la nuova locandina di "Breve guida al suicidio", finto saggio uscito il 27 marzo per la padovana Edizioni La Gru«"Quando pensi che la tua vita sia inutile, pensa a quanto lo è quella dei nostri politici" può sembrare una frase qualunquista, e forse lo è, ma è al contempo indicativa di una situazione sotto gli occhi di tutti: i nostri politici ci hanno abbandonati, impegnati come sono a difendere gli interessi delle lobby». Il grande consenso dietro questa frase, dietro all'immagine di una Italia che si suicida impiccandosi, sono indice di un forte dissenso e senso di malessere diffuso fra la popolazione. "Breve guida al suicidio" è un libro che analizza, in maniera ironica e nonsense, le ragioni che hanno portato l'essere umano a divenire ciò che è oggi: un idiota, uno schizofrenico che compie azioni senza senso se non quello della distruzione. «Trovo assurdo che ci siano persone "costrette" a compiere l'estremo gesto per via di condizioni economiche precarie quando non asfissianti: siamo stati abituati a pensare che la dignità dell'essere umano si conquista economicamente e non moralmente, è il cappio con cui chi detiene il potere ci costringe e ci controlla. Dovremmo spogliarci di tutto e mandare affanculo queste logiche».

"L'Italia che si suicida" è anche su Facebook