SINOSSI

Cavallo pazzo, Tashunka Witko, è stato ucciso da mani bianche, ma il cuore del mistico guerriero era già stato demolito dai suoi fratelli Sioux. La sua vita è stata breve e scandita da numerosi lutti, eppure straordinaria e colma d'amore incondizionato per la sua terra e il suo popolo. Cavallo pazzo è stato un personaggio molto controverso anche tra gli stessi Lakota: da alcuni fu considerato un benefattore, un eroe e un martire, mentre altri lo considerarono un pazzo visionario e un ribelle, compreso il padre Bruco come riportano alcune cronache. I Sioux che sopravvissero dopo la morte di Tashunka Witko erano quasi tuttiappartenenti alle riserve. Uomini che avevano diffuso immonde menzogne quandoera in vita non si sarebbero certo trattenuti ora che era morto. Di sicuro vi è che era divenuto un capo con troppo seguito e troppo scomodo, andava quindi eliminato.Dopo la morte del messia degli Oglala, le uniche speranze per i Lakota ancorabramosi di libertà furono riposte in Toro seduto. Anch'egli, purtroppo, dopo qualche anno fu costretto ad arrendersi e ad accettare di vivere nella riserva, dove infine fu ucciso da Sioux che indossavano l'uniforme dei soldati bianchi.

BIOGRAFIA

Raffaele Milan è nato a Milano il 24 Giugno del 1966, vive a Seveso con la moglie e ilsuo adorato gatto. E' perito agrario ma avrebbe voluto fare il veterinario. Ama gli animali, la natura e tutto ciò che è spiritualità e ricerca interiore. Adora la montagna, anche se la moglie lo convince sempre a trascorrere le vacanze al mare. Gli piaccionole automobili e odia le moto. Ama la musica perché lo rilassa o lo carica a secondadel bisogno.Per molti anni ha coltivato una passione sfrenata per gli scacchi, contribuendo anchealla vita del circolo, di cui faceva parte, come segretario e istruttore di principianti.

Collana Sei colpi
Romanzo western
Brossura
Pagine: 212
Anno: 2013
Prezzo: € 12
ISBN: 978-88-98440-19-1