SINOSSI

Il libro narra la vacanza estiva nell'isola di Creta di quattro adulti (un'ex attrice, una modella al declino, un sindacalista ed un intellettuale) e di due bambini nell'anno dell'uccisione di Aldo Moro, evento che non tocca i personaggi della storia preoccupati solo di trascorrere una vacanza piacevole e di dimenticare la militanza politica del loro recente passato. La convivenza, sintomatica di quei modelli di famiglia allargata che dovevano diffondersi nei decenni successivi, si snoda attraverso le piccole e grandi vicende della villeggiatura che vanno da una disastrosa gita in montagna all'incontro con una vecchia che ancora piange i figli uccisi dai nazisti, dalla doppia vita di un affascinante travestito alla scoperta della religione da parte dei bambini, da un naufragio con il gommone per finire con il suicidio per amore della modella, suicidio fortunatamente e fortunosamente sventato dai suoi compagni di villeggiatura. Su tutto e tutti domina il paesaggio di Creta, con il suo mare, i suoi monti, le sue gole incise da fiumi pullulanti di vita ed i suoi abitanti ancora legati a usanze e costumi antichi. Infine, last but not least, suggerite dalle vicende del romanzo, l'autore ha inserito quarantacinque ricette della cucina greca tradizionale stimolando il lettore a cimentarsi in una gastronomia appetitosa, semplice, fresca e in grado di evocare i sapori e i profumi dell'isola dove sono nati gli dèi.

DUE GIUDIZI

Victor Hugo inserisce fra una scena e l'altra de I Miserabili il resoconto della battaglia di Waterloo. Guido Corazziari alterna ai capitoli delle vicende narrate le ricette che esse gli hanno meglio suggerito.
Non è un modo per fare dell'ironia, è invece un modo per cogliere la profonda evoluzione subita dal mondo negli ultimi duecent'anni. Quello dell'Ottocento era ancora permeato di eroico. Ma i protagonisti di Viaggio a Creta vivono in un'altra atmosfera. È l'atmosfera delle società opulente, dove la storia è lo sminuzzamento della cronaca, non la sua sintesi. Dove il salvataggio da un naufragio marino ha la stessa dimensione umana di un invito a cena. Nei sei personaggi che partono in vacanza per Creta, ci sono due ragazze e due giovanotti, tutti rimasti o di fatto ritornati single, e due bambini, di genitori diversi. Orbene, i due bambini si divertono un mondo, organizzano scherzi a danno dei quattro grandi: l'integrazione è riuscita benissimo. Nella sua brevità, è un libro importante perché sfata alcuni luoghi comuni riguardo alle famiglie, che sarebbero felici solo quando tradizionali.

(Corrado Barberis, sociologo)

Il libro è vivace, mosso, impegnato; lo stile è allo stesso tempo divertito ma anche colto, e adatto a lettori esigenti.

Originale e gradevole la scelta di pubblicare le ricette.

(Francesco Zardo, giornalista e scrittore)

 

L'AUTORE

GUIDO CORAZZIARI (San Remo 1941) insegna Economia all'Università La Sapienza di Roma. Ha insegnato in Africa (Mozambico) ed è stato direttore generale al Ministero del Lavoro. Al momento è coniugato con la sua terza e ultima moglie. Ha pubblicato in un volume le recensioni comparse negli anni precedenti su Rinascita (Musica a Roma, Kappa ed., Roma 2006). Come scrittore di narrativa ha pubblicato:

A stampa:

Nove donne, una raccolta di novelle (Il Raggio Verde, Lecce 2010)

Appunti dal Brasile, un diario di viaggio (Robin, Roma 2012) di cui Il Club del Libro ha parlato nel suo Spazio Autori e conserva la recensione

Viaggio a Creta, romanzo (Robin, Roma, 2013)

In ebook, tre romanzi brevi:

Fuga dall'Egitto (Robin, 2013)

Flight from Egypt (Amazon, 2014)

Jean-Marie's Journey (Amazon 2014)

La commedia in un atto Il cenone (2013) è postata sul sito: www.guidocorazziari.com