SINOSSI

Da molti anni gira per il mondo e molte persone hanno avuto a che fare con lui. Compare e scompare come un temporale improvviso, ecco perché lo chiamano Rain. Questa figura circondata dal dubbio riesce a comunicare con le coscienze degli altri, ma non sempre dona pace e illuminazione. Non si sa se dispensi verità o punizioni. Danielle Collard, ambiziosa e introversa reporter scientifica, dedica ogni sua energia a dargli la caccia. Ha votato se stessa a questa ricerca giudicata inutile e campata in aria, inseguita da un passato fatto di incubi e fantasmi che non vogliono saperne di tacere. Perché Danielle Collard ha intrapreso questa crociata? Cosa sta cercando veramente? In un susseguirsi di colpi di scena e scomodi segreti, seguendo i passi della protagonista, alle prese con le proprie debolezze e paure, toccherà all'improbabile eroe Badout, modesto e pigro funzionario della polizia parigina, destreggiarsi tra due mondi paralleli, quello reale e quello sovrannaturale, distinguere l'orrore tangibile da quello immaginario. Badout seguirà una scia di sangue che da Parigi lo porterà in un borgo dimenticato di Roma, promettendosi di fare luce su una serie di fatti che vedranno Danielle Collard preda e allo stesso tempo cacciatrice. Un thriller noir che cavalca due mondi paralleli, quello reale e quello mistico, dove ragione e religione, paure e interrogativi, circondano personaggi dalla natura ambigua, in una storia dove ogni elemento nasconde un lato nascosto.

AUTORE

Carlo Peparello nasce a Roma 41 anni fa. Dopo aver pubblicato numerose poesie originali, Rain non aveva le ali è il suo romanzo ufficiale d'esordio. In passato aveva già trattato argomenti esoterici come co-conduttore di una trasmissione radiofonica in onda nella capitale alla fine degli anni '90, "L’altra faccia della Luna". Ha viaggiato in molte parti d'Europa cercando di verificare di persona la fondatezza di molti misteri della storia ed è un esperto di cripto archeologia. Attualmente, oltre che occuparsi di sicurezza informatica è opinionista per la rivista "Metropolix" e recensisce libri e film nelle rubriche di letteratura e cinema.