Mercoledì, 23 Ottobre 2019

Letteratura cinese

Di più
21/02/2019 13:47 #1 da Anna96
Letteratura cinese è stato creato da Anna96
Buongiorno a tutti! Creo questa nuova discussione perché dopo aver cercato in giro sul forum non ho trovato quasi nulla sulla letteratura cinese, a parte la discussione sull'autore dell'anno di qualche tempo fa, Mo Yan, che è stato vincitore del Premio Nobel per la letteratura nel 2012.

In generale mi piacciono molto i romanzi ad ambientazione storica e la storia della Cina, specialmente quella degli ultimi 40/50 anni mi interessa moltissimo, sia perché la conosco poco sia perché la Cina ha subito un cambiamento e una crescita così radicali e così incredibilmente veloci che sono davvero curiosa di saperne di più.
Facendo un po' di ricerche su internet sono incappata in Yu Hua, scrittore cinese che ha scritto diversi libri ambienti nella Cina della Rivoluzione Culturale. In particolare mi incuriosiva molto la saga "Brothers" composta da due libri: Brothers e Arricchirsi è glorioso, che raccontano la storia di questi due fratelli nati e cresciuti appunto durante la Rivoluzione Culturale (come lo scrittore).

Per capire se mi sarebbe piaciuto lo stile dello scrittore ho deciso di acquistare prima un altro libricino sempre di Yu Hua, La Cina in 10 parole, che si propone di fare una panoramica dei giganteschi cambiamenti che hanno attraversato la Cina negli ultimi 40 anni partendo proprio da 10 parole chiave. In realtà per ora ho letto solo il primo capitolo relativo alla prima parola, popolo, ma mi sembra già molto interessante.

Conoscete questo autore oppure altri autori cinesi che hanno affrontato lo stesso tema? :)

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
21/02/2019 17:33 #2 da EmilyJane
Risposta da EmilyJane al topic Letteratura cinese
Discussione davvero interessante Anna! :)
Anche a me piacerebbe molto leggere Brothers di Yu Hua.
È da qualche anno che mi segno qualche titolo di autori cinesi perché finora ho letto davvero poco.
Il primo libro in assoluto è stato Cigni selvatici di Jung Chang: un libro mastodontico comprato durante l'adolescenza in uno di quelle bancarelle semipermanenti di libri usati che si trovano al mare. Divorato e amato. Racconta la storia di tre generazioni di donne (nonna, madre e figlia) nella Cina anche durante la rivoluzione di Mao. L'autrice è emigrata in Inghilterra e ha sposato un inglese.
Un altro autore cinese emigrato (questa volta in Francia) è Dai Sijie che io ho apprezzato molto in Balzac e la piccola sarta cinese.
Dopodiché ho letto un altro paio di libri che però non hanno lasciato il segno perciò non vale la pena parlarne.
Discorso a parte per Pearl Buck, scrittrice americana ma che ha passato parecchi anni in Cina, anche durante l'infanzia e molti suoi libri hanno ambientazione cinese. Io ho letto solo La madre: in realtà non mi è piaciuto particolarmente però lo ricordo ancora molto bene ed è sicuramente un romanzo caratteristico.
Come altre opere che mi piacerebbe leggere ne elenco solo tre: Il libro di un uomo solo (Gao Xingjian), Tre sorelle (Bi Feiyu), La via oscura (Ma Jian).

Se decidi di iniziare Brothers fammi un fischio Anna :)
Intanto vedo se riesco a procurarmi il libretto che stai leggendo tu.

Il veganismo non è una dieta ma una scelta di vita. ❤️
Ringraziano per il messaggio: Anna96

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
28/02/2019 17:56 #3 da Anna96
Risposta da Anna96 al topic Letteratura cinese
Effettivamente anche Cigni selvatici era tra i più consigliati sul tema, spero di leggere anche quello prima o poi :D
Gli altri autori / opere che hai menzionato invece non li conoscevo per niente quindi grazie :)

Sono andata un pochino avanti con "La Cina in 10 parole" e devo dire che mi sta piacendo. Spessissimo nel libro si fa riferimento alla vita e alle esperienze d'infanzia dello scrittore e questo rende la narrazione ancora più interessante. In realtà per ora il libro non è ancora entrato nel merito del cambiamento, mi sembra che si stia più limitando a descrivere la Cina sotto Mao (che comunque è una realtà incredibile). Fino quasi all'età adulta lo scrittore non ha avuto accesso a nessun genere di libro che non fosse il Libretto rosso o le Opere scelte di Mao Zedong (nessuno!!!) e bastava pochissimo per essere considerati controrivoluzionari ed essere esposti alla pubblica gogna (che significava perdere tutto). Il potere della propaganda è davvero impressionante... Sono sempre più convinta di voler leggere Brothers :)

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
01/03/2019 11:45 #4 da EmilyJane
Risposta da EmilyJane al topic Letteratura cinese
Io ho letto solo i primi due capitoli al momento (il popolo e il leader) e confermo che è davvero interessante e scorrevole.
Le memorie dell'autore sembrano a volte così buffe che mi chiedo se non abbia un po' calcato la mano per risultare più simpatico...comunque è un buon modo per far capire la situazione senza rendere il testo pesante.
A proposito di Mao mi sembra che se ne parli con stima, nonostante tutto sembra essere stata una figura che i cinesi hanno ammirato e continuano ad ammirare.

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

Il veganismo non è una dieta ma una scelta di vita. ❤️

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
02/03/2019 07:54 #5 da Yashodara
Risposta da Yashodara al topic Letteratura cinese
Da sinologa che da 20 anni studia e lavora sulla Cina... la vostra discussione non poteva non attrarmi. Yu Hua è uno scrittore grandioso anche se mi chiedo sempre come può apparire a chi la Cina non la conosce. Rende benissimo la vita e l‘atmosfera delle piccole città di provincia, dalla Rivoluzione culturale ai nostri giorni. Proprio ieri ho finito il suo ultimo romanzo, Il settimo giorno. Può essere interessnte sapere che Yu Hua (come molti altri autori cinesi) scrive in inglese quindi se volete potete leggere in lingua originale. Per esempio Brothers in realtà è un volume unico, mai capito perchè in italiano l‘abbiano splittato...

Ho letto moltissimi libri di autori cinesi e se volete consigli accomodatevi, mi permetto di citare i gialli di Qiu Xiaolong, a me piacciono molto, ambientati a Shanghai. Se volete un grande romanzo sulle proteste di Piazza Tiananmen, Beijing coma di Ma Jian, fan-tas-ti-co. Sulla guerra di Corea e in particolare l‘esperienza dei volontari cinesi, War trash di Han Jin, bellissimo. A me non piace Gao Xingjian, ho letto con estrema fatica La montagna incantata, ma son gusti. Se avete cose precise che vi interessano, posso spremere le meningi e vedere se mi viene in mente qcosa.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Ringraziano per il messaggio: EmilyJane, clob

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
02/03/2019 10:47 #6 da EmilyJane
Risposta da EmilyJane al topic Letteratura cinese
Grazie mille Yashodara!
Di Qiu Xiaolong ne ho già sentito parlare ma non sono appassionata di gialli.
Mi sono segnata gli altri titoli e autori e se ti viene in mente altro ogni consiglio è ben accetto :)

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

Il veganismo non è una dieta ma una scelta di vita. ❤️

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
03/03/2019 11:12 #7 da EmilyJane
Risposta da EmilyJane al topic Letteratura cinese
Continuo con La Cina in dieci parole, mi sta appassionando parecchio: i capitoli sulla lettura e sulla scrittura sono proprio belli.
In sostanza questo è un libro di ricordi ma attraverso quelli Yu Hua riesce a renderci un'immagine abbastanza nitida della Cina di quarant'anni fa e fare paragoni con quella attuale. Tristissimo il capitolo sulle disparità sociali, le storie dei suicidi sono angoscianti.

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

Il veganismo non è una dieta ma una scelta di vita. ❤️

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
04/03/2019 09:28 #8 da Anna96
Risposta da Anna96 al topic Letteratura cinese

EmilyJane ha scritto: Continuo con La Cina in dieci parole, mi sta appassionando parecchio: i capitoli sulla lettura e sulla scrittura sono proprio belli.
In sostanza questo è un libro di ricordi ma attraverso quelli Yu Hua riesce a renderci un'immagine abbastanza nitida della Cina di quarant'anni fa e fare paragoni con quella attuale. Tristissimo il capitolo sulle disparità sociali, le storie dei suicidi sono angoscianti.

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk


Ero arrivata anche io al capitolo sulle disparità, poi ieri ho iniziato quello sulla rivoluzione e ora mi sembra di avere le idee più confuse di prima :ohmy:
Nell'incipit del capitolo sembra volerti spiegare il perché di questi mutamenti radicali in Cina, poi inizia a mettere insieme cose, almeno apparentemente, poco collegate... Non sono riuscita ad inquadrare bene il "Grande Balzo" del 1958 ed in particolare come siano arrivati ad una carestia così devastante dopo anni di spreco (Yashodara non so se tu puoi spiegarmi meglio)
Mi hanno colpita molto le considerazioni sul sistema universitario!
Comunque il capitolo non l'ho ancora finito, penso di rileggerlo per vedere se mi sono persa qualcosa.

«Questa è la parte più bella di tutta la letteratura: scoprire che i tuoi desideri sono desideri universali, che non sei solo o isolato da nessuno. Tu appartieni»
- Francis Scott Fitzgerald

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
04/03/2019 16:33 #9 da EmilyJane
Risposta da EmilyJane al topic Letteratura cinese
Io l'ho finito da poco.
Hai ragione Anna, i capitoli Rivoluzione e Morti di fame sono un po' pesanti e confusionari, si salta di qua e di là, diverse cose vengono ripetute e poi si torna indietro. Invece mi hanno lasciata di stucco i capitoli Taroccato e Intortare: in pratica Hua descrive i cinesi come un popolo di imbroglioni.
In tanti anni che ho letto letteratura giapponese eppure non mi sono mai sentita tanto distante da un popolo come ora dai cinesi :( e si che li difendo sempre dalle battute che girano tra amici e conoscenti però se uno stesso di loro ne parla così male non ne dà certo una bella idea. Infatti mi pare molto deluso dalla società cinese odierna, che dice essere priva di valori e tutta basata su chi imbroglia di più.
Bellissime invece le frasi di chiusura della postfazione, non le riporto qui per non rovinarne la lettura.
Comunque Yu Hua sembra aver quasi nostalgia dell'epoca maoista nonostante tutta la povertà e la violenza piuttosto che accettare la società attuale che veramente pare descritta come un romanzo distopico.

Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

Il veganismo non è una dieta ma una scelta di vita. ❤️

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Di più
05/03/2019 21:35 #10 da Yashodara
Risposta da Yashodara al topic Letteratura cinese
I romanzi di Yu Hua implicano una conoscenza molto buona della storia recente del Paese, almeno dagli anni 50, che a sua volta è difficile da capire se si ignora quella del secolo precedente. Quindi è abbastanza complicato e appunto per questo mi chiedevo che impressione desse a chi non conosce la Cina.

È anche molto difficile interpretare il pensiero dell‘autore sulla società moderna, che critica cinicamente ma prende anche in giro conoscendola bene. Bisogna anche considerare che deve gestire un complicato rapporto con le autorità (China in ten words per esempio è vietato in Cina ma Yu Hua vive a Pechino), che probabilmente malgrado la critica del presente apprezzano nelle sue opere 1. la mancanza di critica diretta al partito comunista e ai suoi dirigenti (sono „i cinesi“ ad apparire gretti e materialisti, non l‘ambiente sociale a obbligarli a esserlo), 2. l‘apprezzamento almeno parziale per la
figura di Mao, che corrisponde alla posizione ufficiale sul Grande timoniere. Di cui per altro ha un ricordo diretto parziale, alla morte di Mao Yu Hua aveva 16 anni. Un suo coetaneo quando gli chiesi come era la Rivoluzione culturale mi rispose „Ah era grandioso, non c‘era mai scuola e andavamo in giro tutto il giorno a far casino con gli amici“.
Questo per dire che dare un giudizio sia sull‘opera di Yu Hua che sulla società che descrive è molto complicato e io stessa non mi sentirei di farlo.

Per chi chiedeva (Anna?) il Grande balzo (in avanti) è stata una campagna economica lanciata da Mao nel 1958 con lo scopo, in estrema sintesi, di mettere il turbo all‘economia cinese (da qui il nome) e raggiungere l‘Inghilterra in 15 anni. L‘attuazione prevedeva diverse misure: industrializzazione accelerata, produzione di acciaio, collettivizzazione delle terre, grandi opere pubbliche. Un po‘ per la scelleratezza dell‘idea, un po‘ per sfiga (condizioni climatiche pessime), fu un totale disastro che risultò in una tremenda carestia che fece decine di milioni di vittime, peggiorata dalla tendenza delle autorità locali a non voler riconoscere il fallimento (anche perchè sapevano cosa rischiavano): rapporti di produzione gonfiati e completamente irrealistici venivano trasmessi ai superiori, facendo credere che tutto andava alla grande. Così, non solo la politica non è stata riveduta per lungo tempo (anche volendo pensare che Mao l‘avrebbe fatto sapendo la verità), ma le quote di produzione dovute al governo centrale venivano regolarmente richieste peggiorando la situazione nelle campagne. Insomma, una catastrofe e un trauma nazionale la cui portata non viene in genere riconosciuta appieno, almeno in Occidente.
Scusate, mi dilungai. Se leggete Vivere! - sempre di Yu Hua - è descritto bene il Grande balzo nelle campagne.


Inviato dal mio iPhone utilizzando Tapatalk
Ringraziano per il messaggio: EmilyJane, Anna96

Accedi o Crea un account per partecipare alla conversazione.

Shoutbox

Avatar di SARA1984 SARA1984 - 22/10/2019 - 17:31

ciao Bibi stiamo facendo lo stesso percorso quindi ci aggiorniamo piu avanti

Avatar di Bibi Bibi - 22/10/2019 - 11:34

Ciao Sara, sono ancora ai primi capitoli, alterno odissea e Holden :D quindi e vuoi parti pure

Avatar di SARA1984 SARA1984 - 21/10/2019 - 15:54

BIBI mi è appena arrivato il libro " il giovane holden" quando vuoi inziamo

Avatar di guidocx84 guidocx84 - 16/10/2019 - 23:23

@Manulas82: quale gruppo di lettura ti interessa? Ne abbiamo un po' sul territorio... ;) @Cory25: benvenuta!! ;)

Avatar di Cory25 Cory25 - 16/10/2019 - 16:34

Ciao a tutti! Mi sono appena iscritta! Non vedo l’ora di scoprire nuove ed interessanti letture :)

Avatar di manulas82 manulas82 - 16/10/2019 - 09:32

Buongiorno a tutti, il prossimo incontro del gruppo di lettura, quando ci sarà'? Su quale libro :) ? Grazie :)

Avatar di SARA1984 SARA1984 - 15/10/2019 - 10:12

bibi come procede la tua lettura dell'odissea?

Avatar di Fabio81 Fabio81 - 14/10/2019 - 15:34

Sono un lettore onnivoro, leggo tutti i libri di tutti i generi :)

Avatar di Fabio81 Fabio81 - 14/10/2019 - 15:33

Ciao a tutti, sono nuovo mi sono appena registrato :)

Avatar di mulaky mulaky - 13/10/2019 - 11:27

@emica89 vai sul forum nella sezione "gruppi di lettura tradizionali" e scegli quello della tua città. Probabilmente ognuno avrà una pagina FB

The shoutbox is unavailable to non-members

Ultimi commenti

 

STATISTICHE

Utenti
4114
Articoli
1637
Visite agli articoli
2339318

Iscriviti alla newsletter

Compila il form per iscriverti alla nostra Newsletter ed essere sempre aggiornato sulle attività, gli eventi e le novità che riguardano Il Club del Libro!