Libro d'oro del Club del Libro 2012

E' il 1960 quando una giovane Oriana Fallaci è in Oriente, come inviata de "L'Europeo", per un reportage sulla condizione femminile. Nei 50.000 km di questo "viaggio intorno alla donna", la scrittrice raccoglie, raccontandole senza remore ed ipocrisie, testimonianze di donne sottomesse, considerate "inutili", ma anche di donne che hanno lottato e conquistato un posto nel mondo. Dalle spose-bambine pakistane alla donna più potente dell'India, dalle geishe giapponesi  alle matriarche malesi, per finire a New York, dove le donne sono libere ed emancipate ma non per questo più felici. Sono passati più di cinquant'anni da quando la Fallaci ha scritto questo libro-inchiesta, ma il tema trattato è ancora attualissimo. Queste storie, lontane e straordinarie, fanno infatti riflettere su cosa significhi essere donna in certe parti del pianeta e quanto poco sia cambiata da allora la situazione.

Per le donne incontrate nel Sesso inutile la felicità ha molto a che fare con la libertà e poco con il potere. — Dalla Prefazione di Giovanna Botteri

"Le donne non sono una fauna speciale e non capisco per quale ragione esse debbano costituire, specialmente sui giornali, un argomento a parte: come lo sport, la politica e il bollettino meteorologico." Così Oriana Fallaci nella premessa a Il sesso inutile, il primo libro che pubblica con Rizzoli, nel 1961. L'anno precedente, inviata de "L'Europeo", è in Oriente insieme al fotografo Duilio Pallottelli per un'inchiesta sulla condizione delle donne. È partita alla ricerca di tracce di felicità e nel libro racconta la sua esperienza: a Karachi in Pakistan assiste al matrimonio di una sposa bambina e si ribella all'idea delle donne velate ("più che un velo è un lenzuolo il quale le copre dalla testa ai piedi come un sudario"); a New Delhi incontra Rajkumari Amrit Kaur, figura di grande potere in India, e le sembra che assomigli a sua nonna; in Malesia conosce le matriarche che vivono nella giungla; a Singapore c'è la scrittrice Han Suyin, che sente subito amica; a Hong Kong le cinesi non hanno più i piedi fasciati ma le Intoccabili abitano ancora sulle barche, senza mai scendere a terra; a Tokio è smarrita di fronte all'impenetrabilità delle giapponesi e a Kyoto affronta il mistero delle geishe; alle Hawaii cerca invano i segni di un'esistenza originaria intatta. Il viaggio si conclude a New York, dove il progresso ha reso più facile la vita delle donne a confrontarsi con "un mondo di uomini deboli, incatenati a una schiavitù che essi stessi alimentano e di cui non sanno liberarsi". Nella nuova edizione BUR delle Opere di Oriana Fallaci un reportage memorabile, capace di restituirci un mondo oggi non sempre avvicinabile, colto con decenni di anticipo dallo sguardo profondo, sicuro e lungimirante di una grande scrittrice.

Giovanna Botteri, giornalista, inviata, dal 2007 è corrispondente Rai dagli Stati Uniti.

Per il mese di giugno 2012 il Club del Libro, memore del successo del Libro d'Oro 2011 "Mille splendidi soli", ritorna a parlare di donne, e lo fa attraverso la penna di un'Oriana Fallaci "prima maniera", già allora scrittrice di talento, che sarebbe diventata simbolo del giornalismo e dell'Italia nel mondo. Come sempre vi aspettiamo nel nostro Forum per parlarne assieme.

Autore Oriana Fallaci
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Pagine 205
Prezzo di copertina 10,00 €
Prezzo e-book 7,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia