Nel 1610 Zardino è un piccolo borgo immerso tra le nebbie e le risaie a sud del Monte Rosa. Un villaggio come tanti, e come tanti destinato a essere cancellato senza lasciare tracce. C'è però una storia clamorosa, soffocata sotto le ceneri del tempo, che Sebastiano Vassalli ha riportato alla luce: la storia di una donna intorno alla quale si intrecciano tutte le illusioni e le menzogne di un secolo terribile e sconosciuto. Antonia, una trovatella cresciuta nella Pia Casa di Novara, un giorno viene scelta da due contadini e portata a Zardino, dove cerca di vivere con la fede e la semplicità che le hanno insegnato le monache. Ma la ragazza è strana, dice la gente. Perché è scura d'occhi, pelle e capelli, come una strega, e una volta è svenuta al cospetto del vescovo Bascapè, l'uomo che doveva diventare Papa e che si è messo in testa di trasformare in santo chiunque abiti quelle terre. E poi perché Antonia è bella, troppo bella, ed è innamorata, ed è indipendente: in lei ci dev'essere per forza qualcosa di diabolico... Vassalli illumina gli angoli più oscuri di un secolo senza Dio e senza Provvidenza, ricostruendo un episodio che è stato crocevia di molti destini e che, in un turbine di menzogne e fanatismi, ci dice molto di come si è formato il carattere degli italiani.

Questo mese Il Club del Libro ha scelto di avventurarsi nella lettura di una storia vera: un processo alle streghe. Ripercorriamo quindi la storia di Antonia attraverso le parole di Vassalli che ha scoperto, per caso, i documenti del suo processo avvenuto nei primi anni del 1600 in Piemonte. Una storia, all'apparenza, tanto lontana da noi ma molto attuale nei contenuti e che potrà portare vivaci discussioni tra i lettori della nostra Community. Vi aspettiamo sul Forum!

Autore Sebastiano Vassalli
Editore BUR Biblioteca Univ. Rizzoli
Pagine 361
Prezzo di copertina 13,00 €
Prezzo e-book 7,99 €
Categoria Realistico - Cronaca - Saggi - Biografia