Martedì, 12 Novembre 2019

Rubrica letteraria | Parole & Musica

Nemmeno un mese dopo lo sbarco dell'uomo sulla Luna, sulla Terra si è tenuto un concerto che è entrato nella Storia, quasi al pari della missione Apollo11: il Festival di Woodstock. Dal 15 al 18 agosto 1969 una piccola città rurale degli USA, Bethel, si trovò invasa da oltre 500.000 hippy (ma c'è chi dice anche un milione) per "3 Days of Peace and Music" (tre giorni di pace e musica). Artisti del calibro di Joan Baez, The Who, Janis Joplin, i Jefferson Airplane, Joe Cocker, Jimi Hendrix contribuirono a rendere immortale quel palcoscenico...

In "Lettere persiane", Libro del Mese di Maggio 2013 del Club del Libro, Montesquieu traccia un arguto ed implacabile ritratto della società parigina di inizio XVIII secolo. E' proprio lì, a Parigi, ed è proprio a cavallo tra il 1600 ed il 1700, che svolge la sua attività François Couperin, clavicembalista e compositore, definito unanimemente uno dei musicisti più rappresentativi dello spirito francese.

Antonio Gramsci, (del quale proprio questo mese stiamo leggendo "Lettere dal carcere") fondatore e segretario del Partito Comunista italiano, è morto in prigionia, scontando una pena di vent'anni impartitagli dal regime fascista per motivi politici. Pochi anni dopo, i partigiani nascosti tra le colline e le montagne d'Italia si impegnavano nella lotta armata contro il nazifascismo intonando canzoni come la rossissima "Fischia il vento" o la celeberrima "Bella ciao", diventate simbolo della Resistenza.

Il Libro del Mese di Marzo 2013 - "Le volpi vengono di notte" - è una raccolta di racconti ambientati in svariati luoghi – città ed isole - del Mediterraneo, a firma dell'autore olandese Cees Nooteboom. Il Mediterraneo ha un fascino speciale, così come le culture ed i paesi che su di esso si affacciano, ed è un'area geografica particolarmente ricca di suggestioni: odori, colori, sapori. C'è un film di Gabriele Salvatores del 1991, che si intitola per l'appunto "Mediterraneo", la cui colonna sonora, scritta da Giancarlo Bigazzi e Marco Falagiani, le esprime alla perfezione...

Nel Libro del Mese di Febbraio 2013 del Club del Libro, Isabel Allende ci porta per mano alla scoperta della cucina afrodisiaca: la scrittrice cilena scrive di ricette che esaltano i sensi, di amore e di sesso. E quale musica è più sensuale, calda ed "afrodisiaca" di un tango argentino – latinoamericano, peraltro, come l'autrice - ? Questo intreccio di note e corpi che mimano il rapporto amoroso potrebbe essere la giusta colonna sonora per chi volesse provare la "omelette dell'imperatrice" o la "zuppa afrodisiaca del maestro agopuntore"...!

Esther BéjaranoCi sono due tesi che, ogni anno, si contrappongono nelle celebrazioni per la Giornata della Memoria. C'è chi dice che si fa troppo rumore, che il modo migliore per ricordare la Shoah è il silenzio. Che le nuove uscite in libreria, le manifestazioni, tutto questo parlarne nelle associazioni, nelle biblioteche e nelle scuole sia quasi una violenza nei confronti di chi, quegli orrori, li ha vissuti. Ma c'è anche chi pensa che è proprio parlandone, raccontando, che, da quegli orrori, gli stessi che li hanno vissuti possono uscirne. Confrontarsi con le nuove generazioni, educarle perché ciò che è successo sia compreso in tutta la sua brutalità e mai più si ripeta. Esther Béjarano la pensa proprio così, e non si stanca – nonostante l'età avanzata - di girare il mondo portando la sua esperienza di deportata ad Auschwitz e Ravensbrück. Lo fa in un modo particolare, quello che probabilmente le riesce meglio, essendo lei una musicista: cantando! In un volume, "La ragazza con la fisarmonica", uscito anche in occasione della Giornata della Memoria dalle Edizioni Seb27, Esther si racconta...

Immagine dallo spazio del pianeta TerraIl Libro del Mese di Gennaio 2013 porta l'attenzione su un tema molto ampio e dibattuto, soprattutto negli ultimi anni: l'ambiente. Della natura e del rapporto tra uomo e natura la musica si è sempre occupata, ma con un cambiamento sostanziale nel corso dei secoli: se un tempo, infatti, gli autori traevano ispirazione dall'ambiente, oggi utilizzano la loro arte per lo più a scopo di denuncia, per testimoniare quanto di male sta facendo l'uomo nei suoi confronti. In questo viaggio nel tempo e nello spazio, partendo da "Walden, ovvero Vita nei boschi" di Toureau, scopriamo dieci brani dei più diversi generi (dalla musica classica, al rock, al soul), che hanno tutti un comune denominatore: la natura.

Oggi vi racconterò la storia di una donna che ha molto in comune con la protagonista del Libro del Mese di Dicembre 2012. Si tratta di Aida, dalla quale prende il nome la grande opera musicale in quattro atti composta da Giuseppe Verdi (Le Roncole, frazione di Busseto (Parma), 1813 – Milano, 1901). Aida e Salmè condividono, infatti, la schiavitù morale al loro popolo e alla loro cultura in quanto donne, sebbene la prima abbia vissuto nell'Egitto dei faraoni, la seconda nel Libano dei giorni nostri.

Il Libro del Mese del Club del Libro per Novembre 2012 è "Vita Brevis" di J. Gaarder, il quale ci narra una storia d'amore che, in un certo senso, è un classico sia nella storia della narrativa di tutti i generi, sia nella vita reale. Infatti, non è novità che i primi a mettere i bastoni tra le ruote di due innamorati siano proprio i genitori di lui o di lei. La colonna sonora che ho scelto per voi per questo Libro del Mese riprende una storia d'amore molto conosciuta, quella di Romeo e Giulietta, di cui vorrei farvi apprezzare la versione musicale che ne ha fatto S. Prokof’ev: grande musicista russo del XIX-XX secolo, noto ai più per la favola musicale di Pierino e il lupo ed uno dei primi compositori di musica da film ai tempi del cinema muto. Non fatevi spaventare dal nome, ma provate prima di tutto ad ascoltare un ESTRATTO (Danza dei Cavalieri, atto I scena II - Cleveland Orchestra diretta da Lorin Maazel, 1973) - che molti di voi sicuramente avranno già sentito, anche solo in film e pubblicità - e poi ne parleremo più approfonditamente!

Ultimi commenti